Ecco il robot ripara arti: all’Ospedale Evangelico Betania il primo intervento in Campania

53

Nell’Ospedale Evangelico Betania di Napoli è stato eseguito il primo intervento in Campania di chirurgia ortopedica robot-assistito. L’operazione è stata portata a termine dall’equipe medica diretta da Giacomo Negri, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Ortopedia e Traumatologia. “Il paziente – è scritto in una nota diffusa dalla casa di cura – è stato sottoposto ad una artroprotesi di ginocchio impiantata con l’ausilio di un sistema robotico di nuova generazione “Navio Blue Belt Technologies” della Smith&Nephew”. “Questo sistema è composto – continua la nota – da sensori che si applicano all’arto del paziente; da una fresa chirurgica ad alta velocità, controllata elettronicamente; da un software di pianificazione chirurgica imagine-free (ovvero che non necessita di indagini radiologiche del paziente) e da un’applicazione specifica per la navigazione protesica”. Attraverso i sensori e gli strumenti chirurgici collegati al software, il chirurgo viene “guidato” durante le varie fasi dell’intervento protesico da un robot che ha memorizzato e mappato tutte le caratteristiche del paziente, quelle dell’intervento da effettuare e quelle della protesi: dalla resezione delle strutture ossee all’impianto delle componenti protesiche.

La chirurgia computer-assistita permette di calcolare, in tempo reale, l’asse statico e dinamico dell’articolazione da protesizzare, associato ad un corretto bilanciamento delle strutture legamentose, al fine di migliorare il posizionamento delle componenti protesiche. Tali parametri sono fondamentali per diminuire l’usura dell’impianto protesico e prolungare la durata dello stesso e di conseguenza la qualità di vita del paziente. “La chirurgia protesica computer-assistita è solo la punta di un iceberg di un percorso che dura ormai da tanti anni – spiega Giacomo Negri – un percorso che con sacrificio, professionalità ed umiltà ha permesso la crescita del reparto di Ortopedia e Traumatologia di questo ospedale, ponendolo tra i migliori della regione Campania”.