Roma, scontri anti migranti: condannati esponenti Casapound

21

Roma, 11 dic. (AdnKronos) – Nove esponenti di Casapound, tra cui il vicepresidente Andrea Antonini e il responsabile romano Davide Di Stefano, sono stati condannati dal Tribunale di Roma per gli scontri avvenuti a Casale San Nicola il 17 luglio 2015, nell’ambito di una protesta contro l’apertura di un centro d’accoglienza. Per otto di loro la pena inflitta è di 3 anni e 7 mesi, mentre per un nono imputato è di 2 anni e 7 mesi. Il pm Eugenio Albamonte aveva chiesto per i nove imputati pene tra i 6 anni e mezzo e i 7 anni, per un totale di oltre sessant’anni. Le accuse nei loro confronti sono di resistenza aggravata e lesioni.