Roma, via assessore Bilancio. Mazzillo: “Non ne so nulla”

40

Roma, 23 ago. (AdnKronos) – Si profila un nuovo cambio nella giunta Raggi. A quanto apprende l’Adnkronos, a essere sostituito questa volta sarebbe l’assessore al Bilancio Andrea Mazzillo. Secondo rumors raccolti in ambienti capitolini, la sindaca di Roma avrebbe già individuato il sostituto nell’attuale assessore al Bilancio di Livorno, Gianni Lemmetti.

MAZZILLO, NON NE SO NULLA – “Non ne so nulla. Nessuna comunicazione mi è stata recapitata” ha detto all’Adnkronos l’assessore capitolino al Bilancio Andrea Mazzillo. “La notizia è apparsa sui media senza che la sindaca, sebbene incontrata ieri per una lunga riunione informale su Atac, mi abbia comunicato nulla – sottolinea Mazzillo -. Se corrispondesse al vero, si tratterebbe di un modo inaccettabile e assolutamente inusuale di procedere da parte della Raggi”. “Naturalmente, se così fosse, ne prenderei atto – conclude l’assessore – ma non credo sia così che si trattano le persone”.

GRANCIO, SPERO RIMANGA – La notizia di un’eventuale sostituzione dell’assessore al Bilancio di Roma Capitale Andrea Mazzillo con Gianni Lemmetti, assessore al Bilancio e alle partecipate nel comune grillino di Livorno “desta preoccupazione”, dice all’Adnkronos la consigliera comunale Cristina Grancio, sospesa dall’M5S dopo la polemica sullo stadio di Tor di Valle ma ancora componente del gruppo consiliare pentastellato. “Ho appreso la notizia da poco, come tutti…” aggiunge all’Adnkronos. “Spero che Mazzillo rimanga, perché viene dall’attivismo di Roma, dai tavoli di lavoro. E’ il concreto esempio di attivista che se si impegna ed è all’altezza – come tra l’altro ha dimostrato – poi trova spazio nel Movimento. Mi auguro che questa notizia venga smentita…”, aggiunge la consigliera.

TEDESCHINI, PER LICENZIARLO SERVIREBBE ATTO GIUNTA -“Non conosco una regola secondo cui il sindaco licenzia un assessore della propria giunta. Servirebbe un atto di sfiducia della giunta stessa”. E’ quanto afferma all’Adnkronos Federico Tedeschini, ordinario di diritto pubblico alla Sapienza ed esperto di diritto amministrativo in merito alla notizia di un imminente sostituzione dell’assessore al bilancio del comune di Roma Andrea Mazzillo da parte della sindaca Virginia Raggi senza che lo stesso ne fosse a conoscenza. “La legge -spiega- dà un potere enorme al sindaco in materia. Può modificare o ritirare le deleghe e gli atti non sono soggetti al controllo prefettizio. Ma l’istituto del licenziamento non è previsto. Trattandosi di un membro di un organo collegiale l’eventuale dissidio andrebbe portato in giunta e solo dopo il pronunciamento della stessa sindaco e assessore ne prendono atto”. “Tuttavia -aggiunge l’esperto di diritto amministrativo- al di là delle regole quello che conta in politica è il rapporto di fiducia. Quando viene meno l’assessore di norma si dimette”.

MICCOLI (PD), RAGGI SI OCCUPA SOLO DI POLTRONE – “Appena tornata dalle vacanze la Raggi cambia il quarto assessore al Bilancio in un anno” scrive in una nota il deputato del Pd, Marco Miccoli. “Nemmeno il tempo di disfare le valige. Migranti accampati senza assistenza in piazza Indipendenza, problemi relativi alla carenza idrica irrisolti, Atac nel caos, aziende che scappano a Milano. A Roma però ci si occupa solo di poltrone. Mai la Capitale d’Italia in simili condizioni, il fallimento di Grillo e del M5S lo stanno pagando salato i poveri romani”.