Roscigno, festa dell’asparago dal 28 aprile al 1° maggio

65

“Siamo particolarmente orgogliosi di questa iniziativa che valorizza un pregiato prodotto tipico locale e che rappresenta un’importante occasione per valorizzare l’identità, la storia e la cultura del Comune di Roscigno”. E’ quanto afferma il sindaco di Roscigno, Pino Palmieri, presentando la IX edizione della “Festa dell’Asparago Selvatico”, che si terrà nella sua città dal 28 aprile al 1° maggio, con il patrocinio della Città di Roscigno, della Regione Campania, della Pro Loco di Roscigno Vecchia, del Servizio Civile Nazionale, delle Associazioni “Terra Mia”, “Roscigno Più” e Legambiente. “L’auspicio è che questa affascinante evento richiami la presenza dei cittadini della Campania e dei turisti in questo angolo di paradiso della provincia di Salerno, un luogo unico che brilla per natura incontaminata, prelibati prodotti dell’enogastronomia e interessanti attrazioni turistiche”, sottolinea Palmieri. Il programma della Festa prevede, infatti, percorsi turistico-culturali presso l’Antiquarium Comunale, il Museo di Arte Sacra, la chiesa di S.Nicola e a Roscigno Vecchia, nonchè escursioni al Parco archeologico di Monte Pruno. “L’apertura degli stand ci sarà sabato 28 aprile alle ore 19,30 e vedrà anche il concerto di Renato Zero, denominato “L’Altro Zero”, domenica 29 aprile alle ore 11 è prevista una visita guidata a Roscigno e alle ore 21 il concerto dei “Dirotta su Cuba”; lunedì 30 aprile alle ore 19,30 sarà la volta della degustazione dei piatti tipici e del concerto, alle ore 21, di “Nova Felix”; infine, martedì 1° maggio alle ore 11, la visita guidata a Monte Bruno e, alle ore 21, il “Premio Serafina”, condotto da Maria Elena Fabi, che vedrà le partecipanti sfilare con costumi antichi, a partire dalla fine dell’ ‘800 e fino agli anni ’60, e la presentazione di una scheda tecnica con la descrizione dell’abito e una ricetta con l’impiego dell’asparago.