Rosita Marchese nuova presidente dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli

103
in foto Rosita Marchese

Rosita Marchese è la nuova presidente del Cda dell’Accademia di Belle Arti di Napoli: l’incarico di nomina, sancito con decreto dal ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, avrà durata per il triennio 2021/2024. Marchese succede a Giulio Baffi in carica per il triennio precedente. “Ringrazio il ministro Messa – dice la neo presidente – per il prestigioso incarico che ha voluto affidarmi, il direttore Renato Lori e tutti i docenti dell’Accademia di Belle Arti di Napoli; accolgo questa nomina con grande entusiasmo essendomi da sempre sentita al servizio dei giovani e dalla loro parte. Sono altresì lusingata per un riconoscimento che avviene a Napoli, già da tempo mia prima città seguita subito da Trieste. Mi metterò subito al lavoro operando in continuità con quanto già pianificato e con l’obiettivo di poter contribuire all’ulteriore crescita di una istituzione così prestigiosa come L’Accademia di Napoli”. Rosita Marchese è la prima presidente donna alla guida del CdA dell’istituzione partenopea. “Sono particolarmente contento – afferma il direttore dell’Accademia, Lori – della scelta del ministro di aver designato una donna a capo del Consiglio di amministrazione di questa istituzione oltre che per la sua attività professionale appartenente all’ambito dello spettacolo con un corposo bagaglio di esperienze nel settore amministrativo. Alla dottoressa Marchese il mio più caloroso benvenuto, certo di un rapporto di collaborazione intenso e fattivo che porti l’Accademia sempre ai più alti livelli di eccellenza nell’ambito della formazione artistica. Al presidente uscente, prof. Giulio Baffi, persona di grande spessore culturale e morale che tanto ha dato nel triennio che lo ha visto protagonista, va il mio ringraziamento più sincero per la disponibilità lavorativa raggiunta in questi pochi mesi della mia direzione. Un ringraziamento sentito anche a nome dell’intera istituzione”. Nata ad Umago, in Istria, Rosita Marchese arriva a Napoli da bambina. Ha vissuto un connubio tra ambienti e culture diverse e stimolanti. Laureata in Lettere Moderne con il massimo punteggio, ha accumulato esperienze sia nel settore pubblico che nel privato. L’attenzione e l’interesse per i mutamenti di un contesto culturale in rapida e progressiva trasformazione l’hanno spinta ad effettuare molteplici scelte lavorative per cogliere la sfida del mercato. Alla Rai ha ricoperto vari ruoli sia amministrativi che produttivi al Centro di Produzione di Napoli, alla Direzione di Raitre a Roma e in Presidenza. Da esterna ha poi collaborato alla realizzazione di programmi culturali e fiction. Nel settore privato ha ricoperto ruoli manageriali innovando la struttura di stabilimento e il prodotto. Con il gruppo Stream/Telepiù e successivamente Sky ha diretto il nuovo impianto di Via Salaria a Roma. Ha ricevuto l”Oscar’ delle tv satellitari per la prima edizione del “Grande fratello” in diretta h. 24. Ha collaborato alla digitalizzazione degli impianti tv della Camera dei Deputati. Ha partecipato a diversi Consigli di amministrazione tra i quali i teatri San Carlo e Mercadante a Napoli, il teatro lirico Giuseppe Verdi di Trieste. Poi il cinema grande passione. È presente da diversi anni prima nelle Commissioni e poi nel Consiglio Superiore del ministero della Cultura.