Rossi: “Dura rimanere in vetta ma ora più fiducia”

55

Jerez, 4 mag. – (AdnKronos) – “E’ fantastico tornare in Europa. Non voglio dire che ora inizia il vero campionato, ma le piste più vecchie e con più grande storia sono qui. E arrivarci in vetta al campionato è grandioso”. Valentino Rossi è carico alla vigilia delle prime prove libere del Gran Premio di Spagna a Jerez, prima tappa europea del Motomondiale. Il ‘Dottore’ ci arriva da leader del Mondiale, con 6 punti di vantaggio sul compagno di squadra Maverick Vinales.

“Sono felice soprattutto perché nei test invernali ho avuto parecchi problemi. Siamo solo alla quarta gara e sarà molto difficile mantenere questa posizione, ma mi godo il momento”, spiega il pilota Yamaha. “Il primo posto in classifica porta più pressione o fiducia? Entrambe le cose, ma penso più fiducia -risponde-. Sono passate solo tre gare e la strada è ancora lunghissima, non cambia più di tanto. Dobbiamo concentrarci sul weekend e dare il massimo”.

“Vengo da tre ottimi risultati -sottolinea- e l’anno scorso qui abbiamo avuto un ottimo weekend, riuscendo a centrare una vittoria importante. Ma ogni anno è diverso. In ogni caso, questo è un bellissimo tracciato ed è sempre un grande piacere guidare qui”.

Il ‘Dottore’ è sempre salito sul podio nelle prime tre gare, ma è ancora a digiuno di vittorie in questa stagione. Il nove volte campione del mondo è a quota 114 successi in carriera, a -8 dal record assoluto di Giacomo Agostini: “Se posso ancora raggiungerlo? Non sono molte ma è difficile, perché negli ultimi anni non vinco tante gare in un solo anno -ammette Rossi-. In ogni caso sono già contento del mio numero di vittorie. E’ già importante fare un buon weekend qui e io darò il massimo”.

Sul circuito di Jerez non sono mancati grandi battaglie in passato: “Qui l’ultima curva è un punto difficile per superare, ma per qualche motivo è stata teatro di grandi battaglie in passato, come fra me e Gibernau -ricorda Rossi-. Tutti i piloti sono difficili da superare all’ultima curva ed è anche difficile arrivare insieme a loro. Il modo migliore è arrivare con 2 secondi di vantaggio, renderebbe tutto più semplice…”.