Rubbettino, Umberto Ranieri presenta in diretta streaming il saggio “Eravamo comunisti” con Bassolino, Demarco, Di Donato e Macry

63
in foto Umberto Ranieri (Imagoeconomica)

“Eravamo comunisti”, l’ultima fatica letteraria di Umberto Ranieri, edita da Rubbettino, con la prefazione di Giuliano Amato e gli interventi di Biagio De Giovanni e Salvatore Veca, sarà presentata mercoledì prossimo, 17 febbraio 2021, alle ore 17.00 in diretta Facebook e YouTube sulla pagina ed il canale di Rubbettino Editore. Umberto Ranieri, nato a Napoli nel 1947, è oggi un esponente del Partito democratico ma da giovanissimo, appena dopo la laurea in Filosofia, aderisce al Pci divenendone presto segretario della Federazione di Napoli. Dopo le trasformazioni dell’89 ricopre incarichi nel Partito Democratico della Sinistra e quindi nel 1998 nei Democratici di Sinistra. Dopo le elezioni politiche del 2006 è tra i promotori del Partito democratico, sostenendo nel 2007 alla carica di segretario Enrico Letta. Nel 1992 viene eletto al Senato, nel 1994 alla Camera dove viene rieletto per tre volte consecutive. E’ stato sottosegretario di Stato agli Affari Esteri in tre diversi esecutivi: D’Alema I, D’Alema II, Amato II. Attualmente è presidente del Forum progetto Mezzogiorno del Pd e fa parte del Coordinamento nazionale del partito. E’ inoltre presidente della Fondazione Mezzogiorno Europa. Mercoledì discuterà del suo nuovo saggio con Antonio Bassolino, già sindaco di Napoli, ministro e presidente della Regione Campania; Marco Demarco, editorialista; Giulio Di Donato, ex vicesegretario nazionale del Psi di Craxi; Paolo Macry, storico. Coordinerà i lavori Francesco S. Lauro.