Rugby, Italia non brilla ma batte la Namibia

7

Osaka, 22 set. – (AdnKronos) – L’Italia non brilla al debutto nel Mondiale di rugby ma contro la Namibia ottiene vittoria e bonus offensivo, conquistando 5 punti. A Osaka la squadra di Conor O’Shea batte 47-22 la Namibia nel primo incontro valido per il girone B della rassegna iridata.

La partita si sblocca al sesto minuto di gioco: da una touche sbagliata dagli azzurri all’altezza del centrocampo arriva la prima meta del match con la Namibia che recupera l’ovale e riparte velocemente finalizzando la manovra con Stevens. Loubser trasforma per il 7-0 momentaneo. L’Italia rialza subito la testa e con la propria fisicità in mischia pareggia i conti cinque minuti più tardi con una meta tecnica realizzata all’altezza dei pali.

Gli azzurri premono sull’acceleratore e sull’asse Benetton arriva il sorpasso al minuto 26: Morisi fa valere la sua forza nelle gambe trovando un varco nella metà campo della Namibia per poi consegnare l’ovale a Tebaldi che a sua volta vede l’arrivo di Allan che va in meta in mezzo ai pali. Poi è Ruzza con un passaggio no-look a regalare a Tebaldi l’assist che vale la terza meta italiana, trasformata da Allan, con le squadre che vanno negli spogliatoi sul 21-7.

All’inizio del secondo tempo l’Italia trova subito la meta del bonus offensivo con Bellini che raccoglie un grabber millimetrico di Benvenuti andando a segnare accanto alla bandierina sul lato sinistro d’attacco. Nonostante la pioggia battente la partita si vivacizza e nella girandola di cambi arriva la quinta meta dell’Italrugby con Carlo Canna che raccoglie l’assist di Parisse segnando a pochi metri dai pali. Lo stesso numero 22 trasforma per il momentaneo 35-7, che pochi minuti dopo cambia in 35-10 con il calcio piazzato di Loubser da circa 25 metri in posizione centrale.

La squadra di Davies sfrutta il momento a proprio favore accorciando le distanze con Greyling che raccoglie l’ovale da una mischia ordinata e va in meta sfruttando un varco nella difesa italiana per il momentaneo 35-15 al 58′. Gli azzurri riescono ad incrementare il numero delle mete segnando con Polledri per il 40-15 al 70′, poi Canna che non centra i pali nella seguente trasformazione. Nei minuti finali arrivano le mete di Minozzi e Plato che vengono trasformate inchiodando il risultato sul 47-22.

“Abbiamo raggiunto il primo obiettivo vincendo la gara di esordio contro la Namibia. Sicuramente il meteo ha influenzato l’andamento del gioco in alcuni frangenti. Molti giocatori erano al primo mondiale e un po’ all’inizio siamo stati contratti: non è una scusante, è un dato oggettivo. Siamo riusciti a segnare 47 punti senza giocare al nostro vero livello” ha commentato Conor O’Shea.

Nella giornata di domani l’Italrugby si sposterà a Fukuoka dove giovedì 26 settembre alle 16.45 locali (9.45 italiane) affronterà il Canada al Fukuoka Hakatanomori Stadium per l’incontro valido per la seconda giornata del girone B.