Ruota panoramica con vista sugli scavi di Pompei, il Comune ora frena

40

Era stata annunciata per il prossimo 8 maggio, ma l’apertura della ruota panoramica con vista sugli Scavi di Pompei slitterà, travolta dalle polemiche e dopo la presa di posizione del ministro Bonisoli. Fonti del Comune – interpellate dall’Ansa – hanno annunciato che ci vorrà del tempo per l’inaugurazione dell’opera, se si realizzerà, in attesa che si compia tutto l’iter autorizzativo. Insomma, rischia di essere abbattuta dalle polemiche, ancora prima di essere eretta, la ruota panoramicadavanti al sito archeologico di Pompei sepolta dall’ eruzione del Vesuvio nel 79 dopo Cristo. In questi giorni l’idea della ruota panoramica ha scatenato attenzioni sui social. Il progetto, che sembrava avesse ricevuto l’ok definitivo dal Comune di Pompei, si chiama “Wheel of Pompei” e dovrebbe essere realizzato da un’impresa tedesca, la “Iesse International Strategies” di Hendrik Boos, la stessa che ha già elevato la ruota panoramica sul lungomare di Salerno.
I promotori dell’iniziativa hanno pensato del resto che la città degli Scavi vista dall’alto è uno spettacolo che sicuramente toglie il fiato. Finora c’era una sola possibilità. Dal campanile del Santuario dedicato alla Beata Vergine del Santo Rosario, a 82 metri di altezza si domina l’intero perimetro di scavo dell’area archeologica, con le strade, le botteghe, le piazze e le domus, con il golfo di Napoli e il Vesuvio alle spalle. Era questa finora la tappa imperdibile del turista che, con un biglietto di soli 3 euro, saliva in cima al pinnacolo della basilica con un comodo ascensore, per restarci tutto il tempo che voleva. Ora l’idea della ruota panoramica con la possibilità di immortalarsi in un selfie con Pompei, il Golfo e il Vesuvio da sfondo. La “ruota panoramica” è prevista sia ad un’altezza di 60 metri ed installata nel parcheggio di un centro commerciale di fronte all’ingresso (al momento chiuso) del Teatro Grande, in via Plinio.