Russia, come votare dall’Italia per le elezioni parlamentari

18
In foto Sergey Razov

L’ambasciata russa in Italia attribuisce grande significato alle elezioni parlamentari, quale “un importante evento nella vita del nostro Paese”: le rappresentanze diplomatiche russe “stanno facendo tutto il necessario per consentire ai nostri connazionali di esercitare il diritto di voto, sancito dalla Costituzione russa”. Lo ha affermato l’ambasciatore della Russia in Italia, Sergej Razov, in un’intervista ad “Agenzia Nova”. “Il 19 settembre, i cittadini russi che risiedono o soggiornano temporaneamente in Italia potranno votare nei quattro seggi elettorali che si stanno allestendo: presso la sezione consolare dell’ambasciata russa a Roma e i consolati generali russi di Milano, Genova e Palermo. Le informazioni necessarie su questo argomento possono essere trovate sul sito ufficiale dell’ambasciata, così come sui nostri account dei social media”, ha affermato Razov ricordando che dal 2014, nelle elezioni per la Duma di Stato, “vige un sistema misto maggioritario-proporzionale, cioè 225 dei 450 deputati sono eletti da liste federali di partito, mentre i restanti 225 sono eletti in collegi uninominali. Di conseguenza – ha detto -, i nostri connazionali riceveranno due schede elettorali: una per votare la lista dei partiti e una con i nomi dei deputati del collegio uninominale della regione di Ivanovo a cui sono assegnati gli elettori in Italia”.