Russia, firmato accordo da 100 milioni di euro tra Danieli e Mmk

54
danieli mmk

Lo scorso 17 gennaio nell’Ambasciata d’Italia a Mosca Antonello Colussi, presidente di Danieli Russia, e Pavel Shilyaev, amministratore delegato di MMK, hanno firmato l’accordo tra Danieli Centro Combustion S.p.A. (Genova) e Magnitogorsk Iron & Steel Works PJSC per la costruzione di quattro forni di riscaldo per il treno nastri 2000 di MMK. Il progetto sarà realizzato per fasi nell’arco di cinque anni e supera i 100 milioni di euro di valore.

In base a questo accordo Danieli, azienda italiana leader nelle tecnologie per la metallurgia, fornirà i principali equipaggiamenti tecnologici ed i servizi di supervisione e avviamento per i nuovi forni di riscaldo. Il primo forno verrà avviato nel 2023 ed il quarto nel 2026. La tecnologia di Danieli si contraddistingue per l’efficienza e il contenuto impatto ambientale: ogni forno realizzerà una produttività oraria di 465 tonnellate e, grazie all’installazione di bruciatori di nuova generazione, sarà possibile ottenere una significativa riduzione di emissioni inquinanti(NOx).

La tecnologia di Danieli Centro Combustion, unità del gruppo Danieli con sede a Genova e centro di eccellenza mondiale per i forni di riscaldo e trattamento, consentirà di avere una migliore qualità del riscaldamento, una maggiore affidabilità degli equipaggiamenti, nonché una riduzione del consumo di combustibile. Il risparmio energetico raggiungerà il 15% a cui si aggiunge una migliore resa del materiale grazie all’utilizzo degli innovativi bruciatori “flameless”, ad una avanzata automazione con nuovi modelli di riscaldo ottimizzati.

Magnitogorsk Iron & Steel Works PJSC è un’azienda leader tra i produttori di acciaio nella Federazione Russa e nel mondo, con un importante impianto integrato (dalla preparazione del minerale fino al prodotto finito). Il treno nastri 2000 è ad oggi uno degli impianti più efficienti a livello internazionale, con una produttività annua di circa 6 milioni di tonnellate di nastri laminati a caldo.

Segui il blog di Italians of the Word