Ryanair cancella 190 voli

10

Roma, 25 set. (AdnKronos) – Volo cancellato, i passeggeri sono stati avvisati con tre giorni d’anticipo. ” dei suoi 2.400 voli in programma venerdì 28 settembre pari a 190 voli – spiegano dalla compagnia irlandese -, a causa di uno sciopero ‘inutile’ – scrive Ryanair – indetto da una ‘piccola minoranza’ di personale di bordo in Spagna, Belgio, Olanda, Portogallo, Italia e Germania”. “Tutti i clienti interessati sono stati contattati via e-mail ed sms questa mattina e avvisati della cancellazione del loro volo con tre giorni di anticipo”, informa la compagnia che “si scusa sinceramente per queste inutili interruzioni del servizio, indette da sindacati, spinti dai dipendenti delle compagnie aeree concorrenti”.

“In Spagna, un membro del personale di bordo della Norwegian sta guidando lo sciopero ad Alicante, mentre in Portogallo uno dell’equipaggio della TAP sta promuovendo lo sciopero senza il supporto del nostro personale di bordo portoghese, e in Italia, dove Ryanair ha firmato ieri un accordo sul contratto collettivo di lavoro con i 3 principali sindacati del personale di bordo, la minaccia di sciopero è portata avanti da un sindacato minore che non ha alcun riconoscimento o sostegno tra il nostro personale di bordo italiano”, afferma Ryanair.

Ryanair, sottolinea la compagnia, ha compiuto notevoli progressi nelle ultime settimane nelle negoziazioni sindacali, che includono accordi per i piloti e il personale di cabina in Irlanda, Regno Unito, Italia e Germania. Nelle ultime due settimane, Ryanair ha scritto ai sindacati dei piloti in Belgio, Olanda, Spagna, Portogallo e Germania, invitandoli a negoziare accordi simili a quelli raggiunti con Forsa in Irlanda sia per i piloti che per il personale di bordo. Ryanair ha anche accettato di passare ai contratti locali, alle leggi locali e alla tassazione locale il più rapidamente possibile nel 2019, solo a seguito del raggiungimento di accordi sul contratto collettivo di lavoro con i sindacati nazionali di ciascun Paese.

“Siamo quindi delusi dal fatto che questi sindacati guidati dai piloti di Eurowings in Germania, dai piloti KLM in Olanda e dai piloti di Aer Lingus in Irlanda continuino ad interferire, a promuovere scioperi, a creare disagi ai nostri clienti e a danneggiare le nostre attività a beneficio delle compagnie aeree tradizionali a cui appartengono. Ryanair si scusa con i 30.000 (su 450.000) clienti che rischiano di subire ingiustificati disagi venerdì 28 settembre”, prosegue la compagnia.

“Ci scusiamo sinceramente con i clienti interessati da questi inutili scioperi di venerdì, che abbiamo fatto del nostro meglio per evitare, dato che sono già stati offerti loro accordi di riconoscimento sindacale, Contratti Collettivi di Lavoro e un passaggio a contratti / leggi locali nel 2019. Questi ripetuti scioperi inutili stanno danneggiando il business di Ryanair e la fiducia dei nostri clienti in un momento in cui i prezzi del petrolio stanno aumentando fortemente e, se continueranno, sarà inevitabile rivedere nuovamente la nostra capacità di crescita quest’inverno e nell’estate 2019”, dichiara Kenny Jabobs, chief marketing officer di Ryanair.

“Speriamo – conclude il manager – che questi sindacati ritrovino il buon senso e collaborino con noi per finalizzare gli accordi a beneficio dei nostri piloti e del personale di bordo nelle prossime settimane senza creare ulteriori disagi per i nostri clienti e i nostri voli. Se siamo riusciti a raggiungere accordi con i sindacati in Irlanda, Regno Unito, Germania e Italia, perché alcuni sindacati in Belgio, Olanda e Spagna non stanno realizzando simili accordi? ”.