Sabato delle Idee, Salvatore: Bandi Ue, un centro campano per assistere i ricercatori

92
In foto Marco Salvatore, promotore della Fondazione Salvatore e del Sabato delle Idee

Un Centro Campano per il coordinamento della progettazione europea per i finanziamenti alla ricerca. Ripartirà dalla proposta dello scienziato Marco Salvatore il prossimo appuntamento de “Il Sabato delle Idee”, il pensatoio progettuale che mette in rete alcune delle migliori eccellenze scientifiche, accademiche e culturali del Mezzogiorno. “Spesso molti bravi ricercatori – evidenzia Salvatore – incontrano difficoltà anche tecniche e burocratiche che inficiano l’approvazione dei progetti. Serve allora mettere insieme le migliori professionalità e i migliori esperti di Università e Centri di Ricerca per creare un centro di coordinamento generale che guidi i giovani ricercatori sia ad individuare i bandi più importanti a cui partecipare sia a seguire nel modo corretto tutto l’iter formale che porti alla redazione di un progetto in grado di meritare l’approvazione e quindi il finanziamento”.
Un’idea lanciata durante lo scorso ciclo tematico di incontri su “L’Italia del futuro in un mondo che cambia” che potrebbe essere anche un concreto antidoto alla fuga dei cervelli del Mezzogiorno. Se ne discuterà sabato 22 febbraio alle ore 10 a Napoli nella sala conferenze della Fondazione Salvatore a Villa Sanfelice di Monteforte quando attorno allo stesso tavolo ci saranno i massimi vertici del sistema universitario e della ricerca italiano con il Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, il presidente del CNR, Massimo Inguscio e il presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, Lucio d’Alessandro.
Al centro del dibattito del Sabato delle Idee, che sarà introdotto da Arturo De Vivo, Rettore dell’Università Federico II di Napoli, Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania e Marco Salvatore, fondatore del Sabato delle Idee e della Fondazione Salvatore, e coordinato dai giornalisti Massimo Milone e Max Mizzau Perczel, ci saranno “Intelligenza artificiale, ricerca, etica e diritti nella sfida delle nuove tecnologie”.
Alla discussione, inserita anche nel programma di formazione e aggiornamento professionale dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, prenderanno parte Mauro Ceruti, professore ordinario di Filosofia e narrazione della globalizzazione all’Università IULM di Milano, Alessandro Fusacchia, coordinatore dell’Intergruppo Parlamentare sull’Intelligenza artificiale, Flavia Palazzi, responsabile dell’Ufficio di Europrogettazione della Fim Cisl Nazionale, e Antonio Pescapè, professore
ordinario di Ingegneria Informatica e direttore scientifico di DIGITA Academy all’Università Federico II di Napoli.
L’intervento internazionale di Julie Maxton e il legame con l’assemblea vaticana con Papa Francesco sull’intelligenza artificiale
Nel corso del dibattito del Sabato delle Idee ci sarà anche un prestigioso video collegamento internazionale con Julie Maxton, la prima donna a ricoprire dopo oltre 300 anni dalla sua fondazione la carica di direttore della Royal Society, la più antica accademia scientifica inglese.
Le conclusioni della discussione, saranno, invece, affidate a Monsignor Paglia presidente della Pontificia Accademia per la vita, anche per legare la riflessione del Sabato delle Idee all’assemblea in Vaticano (26-28 Febbraio 2020) promossa dalla Pontificia Accademia per la Vita, con la presenza di Papa Francesco, dedicata al tema dell’intelligenza artificiale. Il Sabato delle Idee anticiperà da diverse angolazioni, etiche, filosofiche e medico-scientifiche le nuove sfide che le tecnologie emergenti pongono oggi alle neuroscienze, alla fisica ,alla genetica e alla vita umana in generale con l’intelligenza artificiale, la robotica e le nanotecnologie.