Sace, Intesa Sanpaolo prima banca ad aderire a Garanzia SupportItalia (aiuti alle Pmi danneggiate dalla guerra)

73
(Imagoeconomica)

E’ Intesa Sanpaolo la prima banca italiana ad aderire a Garanzia SupportItalia di Sace, la nuova misura straordinaria prevista dal Decreto Aiuti e resa disponibile da Sace fino alla fine del 2022, per sostenere le imprese in difficoltà a causa degli impatti generati dal conflitto in Ucraina e dal rincaro dell’energia. Lo comunica il gruppo ricordando come attraverso il nuovo Temporary Crisis Framework varato dalla Commissione europea, Sace rilascerà infatti garanzie su finanziamenti fino al 31 dicembre, nei limiti del plafond di 200 miliardi di euro di garanzie di Stato già stanziati dal Decreto “Liquidità” e ad oggi mobilitati per 42 miliardi di finanziamenti garantiti attraverso lo strumento Garanzia Italia. La banca “intende avvalersi di questa nuova opportunità per sostenere il tessuto produttivo italiano che, già provato dalla crisi pandemica, ha dimostrato di adattarsi all’evoluzione del contesto, manifestando nel 2021 segnali di ripresa confortanti con effetti positivi sull’economia del Paese. L’ulteriore complessità generata nel corso di quest’anno dal conflitto e dal conseguente effetto sul costo dell’energia, in particolare, ha posto sotto stress i volumi del fatturato del nostro sistema economico e produttivo”. Grazie a questo nuovo strumento e alla collaborazione di antica data con Sace Intesa Sanpaolo renderà disponibili da subito alle imprese che hanno subito ripercussioni dirette, nuovi finanziamenti destinati a coprire costi del personale, investimenti, canoni di locazione o di affitto di ramo d’azienda e capitale circolante. In particolare, i finanziamenti alle imprese con fatturato in Italia inferiore a 1,5 miliardi di euro o con numero di dipendenti in Italia inferiore a 5.000 o, comunque, i finanziamenti di importo massimo garantito fino a 375 milioni di euro potranno essere erogati con immediatezza grazie alla ‘procedura semplificata’ di Sace che prevede il rilascio della garanzia entro 48/72 ore. Il rilascio della garanzia è invece subordinato alla decisione assunta con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, ossia tramite ‘procedura ordinaria’, relativamente alla richiesta di importi più elevati e per imprese con dipendenti o fatturato superiori a tali soglie.
Il nuovo strumento – continua il gruppo “si aggiunge alle misure rapide e immediate messe in campo da Intesa Sanpaolo per supportare le PMI energivore e quelle con fatturato derivante in larga parte dall’export, specie verso Russia e Ucraina, oltre alla recente iniziativa, in collaborazione con Sace, per favorire gli investimenti in energie rinnovabili di tutte le imprese, in particolare Pmi, della filiera dell’agribusiness e del terzo settore e che mette in campo un plafond di 10 miliardi di euro”. Come sottolinea Stefano Barrese, responsabile Divisione Banca dei Territori Intesa Sanpaolo , si tratta di un importante “nuovo strumento di supporto per le nostre imprese e ci attiviamo immediatamente per proseguire nell’opera, congiunta fra settore pubblico e operatori privati, che abbiamo già efficacemente attuato in questi anni di grave complessità. E’ nostra intenzione restare l’interlocutore più affidabile per il sistema economico, garantendo il nostro supporto con ogni strumento disponibile”.