Sala Consilina, stop alle polemiche sulla Villa Comunale

24
In foto, da sinistra, Vincenzo Garofalo, Antonio Lopardo e Elena Gallo

“La Villa Comunale di Sala Consilina (Salerno) è un gioiello, al quale l’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Francesco Cavallone dedica ogni attenzione possibile”. Questa in sintesi la posizione degli assessori Vincenzo Garofalo e Antonio Lopardo, che insieme al consigliere di maggioranza Elena Gallo, a sua volta assessore alla Comunità Montana Vallo di Diano, respingono con decisione al mittente le recenti accuse di disattenzione nei confronti della Villa Comunale salese. La cui manutenzione va inquadrata in un discorso generale, che riguarda tutto il verde pubblico a Sala Consilina. Oltre alla Villa Comunale, che è costituita da circa 20mila metri quadrati e da 300 alberi di alto fusto, il Comune attenziona diverse altre aree, come ad esempio quella nell’area di Via Pozzillo, di circa 4mila metri quadrati, quella al di sopra del Parcheggio “4 Torri”, di circa 1000 metri quadrati, e l’area del Parcheggio “Cravatta”. Ci sono inoltre 250 km lineari di strade che rientrano nell’ambito del Comune di Sala Consilina. Tagliare l’erba contemporaneamente in tutte queste aree è assolutamente impossibile con le forze disponibili, motivo per il quale è stata stabilita una programmazione con alcune priorità. Nonostante le ristrettezze economiche del momento, alla manutenzione del verde sono deputate squadre di operai comunali e squadre delle Cooperative Sociali, affiancate dagli operai della Comunità Montana Vallo di Diano.
“La Villa Comunale di Sala Consilina –afferma l’assessore all’Ambiente Vincenzo Garofalo- non è assolutamente un luogo degradato: l’erba era stata tagliata a fine marzo, e in questi giorni è già iniziato il programmato secondo taglio. Nel frattempo abbiamo effettuato la manutenzione del verde in altre aree cittadine ad alta densità abitativa, o dove erano imminenti manifestazioni o festività come quella di San Michele dell’8 maggio. La Villa ha una superficie molto estesa, e necessita di manutenzione continua, che noi cerchiamo di assicurare con le risorse disponibili: ogni giorno, ad esempio, abbiamo una persona incaricata della pulizia dei viali e dei bagni. Ovviamente ci sarebbe bisogno di maggiore personale, anche di maggiore vigilanza. Ma, nonostante tutto, la mezza busta di rifiuti raccolti in 20mila metri quadrati smentisce da sé le evidenti strumentalizzazioni”. Per quanto riguarda gli ulivi, Garofalo ricorda che era stato stipulato un accordo con l’Istituto Agrario, che voleva realizzare una vera e propria Azienda Didattica, e si era impegnato ad occuparsi della raccolta delle olive, della potatura e della salute degli alberi e anche dei viali. “Da poco l’Istituto Agrario ci ha comunicato la sua rinuncia –spiega l’Assessore all’Ambiente- e noi siamo già intervenuti, anche se fino al 22 maggio la manutenzione degli ulivi spetterebbe ancora a loro. Considerato questo nuovo sviluppo, se ci saranno associazioni disposte sia alla raccolta delle olive che alla potatura e alla manutenzione degli alberi, valuteremo le loro candidature senza preconcetti e pregiudizi”.
Anche l’assessore alla Manutenzione Antonio Lopardo è categorico: “La nostra Amministrazione –evidenzia- sta facendo i salti mortali per conservare la Villa Comunale integra, e anzi per migliorarla. Le strumentalizzazioni delle ultime ore sono lontane dalla realtà: ad esempio chi dice che nella Villa mancano i cestini per i rifiuti, dovrebbe anche dire che sono già stati rimpiazzati almeno quattro volte. Purtroppo per una mancanza di senso civico o di educazione alcuni dei frequentatori della Villa, probabilmente ragazzi, si divertono a distruggerli, non sappiamo per quale motivo. In ogni caso non sono stati certo i cestini mancanti a causare la raccolta di mezza busta di spazzatura su 20mila metri quadrati di verde: il problema resta la mancanza di senso civico”. Anche per quanto riguarda l’illuminazione nella Villa Comunale, l’Assessore Lopardo rassicura i cittadini: “Nonostante le ristrettezze economiche ci stiamo lavorando –assicura- progettando una illuminazione molto più idonea, proprio per aumentare la sicurezza e mantenere la Villa Comunale in uno stato ottimale”.
Chi frequenta la Villa Comunale di Sala Consilina ha avuto modo di verificare la presenza periodica degli operai della Comunità Montana Vallo di Diano, intervenuti su richiesta del Comune di Sala Consilina e in particolare dell’Assessore Garofalo. “In modo coordinato –chiarisce Elena Gallo, consigliere di maggioranza del Comune di Sala Consilina e Assessore della Comunità Montana Vallo di Diano- le Cooperative, gli operai comunali e gli operai della Comunità Montana provvedono al taglio dell’erba all’interno della Villa, e credo che non sia assolutamente giusto parlare di abbandono e di degrado di uno spazio così vasto. È una Villa Comunale bellissima, grandissima e per questo difficile da manutenere. Con le ristrette risorse finanziarie ed umane a disposizione, questa Amministrazione sta facendo il massimo, dando prova di impegno e sensibilità sia verso l’ambiente sia verso la Villa. Assurdo quindi accusarci di disattenzione, anche se vorremmo poter fare molto di più”. La Gallo precisa anche che gli interventi di manutenzione non sono assolutamente improvvisati, ma programmati. “Dopo la pulizia effettuata a fine marzo, e dopo aver dato la giusta attenzione ad altri luoghi, tra i quali quelli interessati dalla processione di San Michele –conferma la Gallo- gli Operai della Comunità Montana torneranno nella Villa Comunale ad affiancare quelli delle Cooperative e del Comune. Come Comunità Montana avremo addirittura due squadre impegnate, con operai specializzati che cureranno anche la parte “vivaistica” delle piante, e la loro varietà. Infine come Ente Montano abbiamo anche avviato un altro lavoro, che stiamo portando a termine in simbiosi con il Comune di Sala Consilina: il nuovo ingresso della Villa Comunale, a valle”.