Salerno a Miami: nuovo Polo crociere
Oltre 100 navi da aprile a fine anno

70

Da Miami lanciamo una nuova era, perché con il nuovo Polo apriamo anche un nuovo capitolo, con l’ambizione non solo di consolidare quanto di buono fatto Da Miami lanciamo una nuova era, perché con il nuovo Polo apriamo anche un nuovo capitolo, con l’ambizione non solo di consolidare quanto di buono fatto finora, ma di puntare ad attrarre sempre più traffici, di essere punto di riferimento e di eccellenza nel cuore del Mediterraneo”. Così il il Presidente dell’Autorità Portuale di Salerno, Andrea Annunziata, rilancia da Miami la meta di Salerno come località in ascesa per le crociere. Alla fiera specializzata Cruise Shipping Miami 2015, il porto di Salerno ha puntato sui nuovi interventi mirati al potenziamento infrastrutturale del Porto “che ha coinciso, nonostante i lavori in corso, con una stagione di grande vivacità e dinamismo, in tutti i settori di attività“, spiega Annunziata. Salerno si è presentata a Miami con lo slogan “In the heart of the Mediterranean”, per identificare la straordinaria posizione di Salerno e della Campania in un’area dell’Italia tra le più famose del pianeta, al centro di zone geografiche dichiarate dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. I crocieristi da Salerno possono raggiungere facilmente luoghi come le aree archeologiche di Pompei e di Ercolano, la costiera Amalfitana, la penisola sorrentina, ma anche le isole di Capri e Ischia. Sull’altro versante il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, con i siti archeologici di Paestum e Velia e la Certosa di Padula “All’interno del nostro stand – spiega Annunziata – le immagini di un video illustrano il nuovo Polo crocieristico al Molo Manfredi e le tante bellezze di Salerno e di tutta la Provincia. Il nuovo Polo crocieristico sarà inaugurato con la stagione crocieristica 2015; infatti dal 14 aprile a fine anno approderanno oltre 100 navi, con un incremento di passeggeri superiore al 30%. Così il Porto potrà contare in modo definitivo su una struttura autonoma e dedicata ai flussi turistici. Ci sarà una netta separazione tra tutte le attività che si svolgono sulle banchine, con una razionalizzazione che gioverà a tutto il sistema produttivo. Lo scalo salernitano potrà offrire servizi ancora più veloci e multifunzionali, con eccellenti standard qualitativi“.