Salerno e Procida, intesa nel segno di un uomo che ha fatto la storia

71

di Alfonso Mignone

Potrebbe essere la svolta tanto auspicata per ricordare un glorioso passato la “collaborazione” tra il Comune di Salerno e Procida Capitale della Cultura 2022 dopo l’incontro tenutosi il 20 giugno a Palazzo di Città.
Creare sinergie interterritoriali basate sull’identità e la tradizione è quello che nel 2022 si potrebbe fare per ricordare un prestigioso “ponte culturale” tra le due città: il Magister della Schola Medica nonché Consigliere dell’imperatore Federico II prima e di Re Manfredi di Sicilia poi, il “reggente” di un Regno, il lungimirante “deus ex machina” dello sviluppo mercantile della città di Salerno con l’istituzione della Fiera del 1259 e la costruzione del porto nel 1260. Stiamo parlando non di un uomo qualunque ma di Giovanni Da Procida, salernitano e feudatario dell’isola flegrea, il protagonista del moto rivoluzionario che portò alla Guerra del Vespro è una figura ricordata come simbolo del Risorgimento.
In nome della Cultura (non solo patrimonio di Procida ma anche di Salerno) invitiamo la nostra amministrazione a considerare questa opportunità per continuare a coltivare la memoria di un assoluto protagonista della storia salernitana.