Salerno, il sindaco Napoli: Decreto Rilancio ok, ma la sua efficacia dipenderà dalla burocrazia

87
In foto Vincenzo Napoli, sindaco di Salerno

“La riuscita degli intenti del decreto Rilancio dipende molto anche dalla rapidità con la quale le risorse saranno messe a disposizione delle imprese, delle famiglie, dei professionisti, delle comunità. Non possiamo rischiare che la burocrazia rallenti l’erogazione di risorse fondamentali e vitali. Siamo pronti a sostenere ogni iniziativa di semplificazione attuata dall’esecutivo. Nelle recenti esperienze del buono spesa e del bando fitti abbiamo gestito praticamente tutto online assicurando celerità, trasparenza e rigore. Il governo sono certo garantirà alle Regioni ed agli enti locali le medesime possibilità in questa fase”. Così alla Dire il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli che sottolinea come il decreto varato dal governo meriti “una lettura e una riflessione molto attenta da condividere le categorie e le forze economiche, produttive, occupazionali dei territori. è prematuro pertanto rilasciare giudizi complessivi”. Napoli spiega di apprezzare “il tentativo di dare una spinta alla ripresa economica e sociale del Paese cercando di rispondere a problematiche complesse ed eterogenee nei tempi brevissimi che la crisi impone”. In particolare, il sindaco si sofferma su misure come “l’esonero della Tosap che – dice – è un provvedimento importante come gli interventi nel campo dell’edilizia scolastica e del sostegno alle famiglie nel quale Salerno vanta un primato d’eccellenza garantito in buona misura dai fondi del bilancio comunale. Bisogna fare un ulteriore sforzo di semplificazione per il commercio, la ristorazione ed il tempo libero. Per i comparti del turismo, spettacolo ed eventi che sono vitali per l’economia del nostro territorio – osserva – sarà necessario definire un piano organico di lunga durata dopo questi primi ed importanti provvedimenti. Bene la regolarizzazione, insieme a colf e badanti, dei braccianti agricoli che renderà più sicuro e legale il comparto agroalimentare”.
Positivo anche il giudizio sugli incentivi fiscali per la ristrutturazione immobiliare “che dara’ respiro al’edilizia e permettera’ di sistemare un patrimonio talvolta obsoleto. Bisogna investire ancora di piu’ per l’infrastrutturazione tecnologica e la mobilita’ sostenibile. Noi – aggiunge Napoli – siamo pronti a fare la nostra parte in spirito di collaborazione e con efficacia potendo contare sulla sinergia con Regione Campania che, con la guida del presidente Vincenzo De Luca, ha varato un piano socio economico da 1 miliardo di euro”.