Salme di bimbe sparite al Cardarelli, nessun giallo: la direzione generale mette fine al presunto scandalo

216
In foto l'ingresso dell'ospedale Cardarelli

I corpi delle sfortunate bambine ci sono e aspettano solo che la famiglia provveda alla sepoltura. Dura poco il presunto scandalo di salme di neonati smarrite all’obitorio dell’ospedale Cardarelli di Napoli, nato da una nota diramata agli organi di informazione da uno studio legale che aveva annunciato l’esposto di una coppia di Torre del Greco “per chiarire fatti ed eventuali responsabilità della vicenda accaduta” nel nosocomio. La coppia, a fine gennaio, “non solo hanno perso due gemelle, perfettamente sane, a causa di un parto prematuro che probabilmente si sarebbe potuto evitare intervenendo in anticipo”, ma non sapeva “neppure che fine abbiamo fatto i due corpicini e il fatto è ancora più grave perché una delle due piccole”.
A loro va “ancora una volta il cordoglio dell’azienda ospedaliera”, ma la direzione generale del Cardarelli fa sapere di avere verificato in ogni minimo dettaglio quanto accaduto e quanto riportato dalla famiglia “al fine di sgomberare il campo da ogni dubbio”. “In nessun momento i corpicini sono stati smarriti _ sottolinea l’ospedale – anzi sono sempre stati custoditi presso l’obitorio in attesa che la famiglia provveda a quanto necessario per la sepoltura. La direzione generale del Cardarelli si riserva di agire nelle sedi opportune a tutela della propria immagine, ove questa risulti danneggiata da gravi notizie che non trovano alcun fondamento nella realtà dei fatti e nonostante ciò vengono diffuse senza le dovute verifiche”.