Salone Nautico di Genova, Liguria e Campania alleate sulla blue economy

39

Liguria e Campania unite sull’economia del mare, per la ricerca e lo sviluppo. “La sinergia fra territori è fondamentale per fare massa critica e offrire maggiori opportunità di sviluppo. Il protocollo di intesa firmato la scorsa primavera dalle due regioni dà valore aggiunto a Liguria e Campania e rappresenta un modello di partenza: la nostra ambizione è che si possa estendere per lo meno a tutta la fascia tirrenica per una collaborazione fattiva sulla blue economy”. Lo ha detto l’assessore allo Sviluppo economico e ai Porti della Regione Liguria, Edoardo Rixi al Salone Nautico nell’ambito del workshop dedicato a “Blue economy, il mare come risorsa di crescita e sviluppo nello scenario europeo e nei contesti regionali” organizzato da Liguria International e in cui numerose realtà hanno presentato i loro progetti di ricerca legati al mare, dall’energia al controllo delle emissioni inquinanti e del rumore delle navi. “L’obiettivo dell’intesa è cooperare per la crescita dell’economia blu, un tema importante che comprende cantieristica, biotecnologie, servizi al turismo e problemi di bonifica delle coste, c’è molta ricerca e innovazione ma è anche molto importante il coinvolgimento dei settori produttivi. Abbiamo importanti aziende che hanno sede sia in Liguria che in Campania e ci troviamo con le stesse problematiche” ha sottolineato l’assessore regionale all’internazionalizzazione, start up e innovazione della Regione Campania, Valeria Fascione.