Salvatore Ippolito è Digital Media Person of the Year

71
In foto Salvatore Ippolito

Salvatore Ippolito è Digital Media Person of the Year: si è svolto ieri il Galà dei vincitori della sesta edizione degli Nc Digital Awards, il premio di Adc Group dedicato alla migliore comunicazione digitale. Protagoniste dell’evento, le campagne più brillanti, le aziende e le agenzie che hanno saputo sfruttare nel modo più innovativo ed efficace le potenzialità del digitale di coinvolgimento del target. “In uno scenario caratterizzato da una evoluzione per molti aspetti travolgente, il premio Speciale Digital Media Person of the Year, intende riconoscere il valore delle persone che si sono distinte per capacità di visione, innovazione e gestione del cambiamento nella vasta area dei mezzi”, si legge sul sito della manifestazione. Il premio quest’anno va al manager napoletano nominato lo scorso aprile amministratore delegato dell’agenzia Agi. Ippolito ha attraversato il digitale in tutte le sue forme, dai primi dati di internet audience, ai più rilevanti portali locali e internazionali, fino all’esperienza in Twitter, una piattaforma di informazione in tempo reale che ha attentato profondamente, alle realtà che da sempre hanno costituito il primo gradino dell’informazione giornalistica, le agenzie di stampa. E, in una sorta di nemesi, da pochi mesi Ippolito è al lavoro per far in modo che le agenzie possano riguadagnare il tempo perduto. Nata ai tempi delle telescriventi in pochi mesi Agi è diventata la prima agenzia mobile first, con una piattaforma digitale tutta nuova. In pochi mesi il traffico è aumentato del 162%. E da pochi giorni si presenta al mercato con una nuova ‘creatura’, Agifactory. Se in ambito giornalistico per Agi, ‘La Verità Conta’, con Agifactory, ‘e da oggi raccontà con un approccio ‘full digital’ e con alle spalle la forza di un’agenzia storica.