Salvatore Petrella eletto presidente provinciale di Confesercenti Caserta

151
in foto Salvatore Petrella (foto da Facebook)

L’assemblea di Confesercenti Caserta ha eletto presidente provinciale Salvatore Petrella, imprenditore 44enne impegnato nel settore agenzie immobiliari. Hanno partecipato ai lavori, oltre ai 51 delegati (molti in presenza ed altri collegati attraverso la piattaforma digitale), il presidente Regionale Vicenzo Schiavo ed il direttore regionale Pasquale Giglio.
“Sono onorato di presiedere l’assemblea provinciale nell’anno in cui ricorre il cinquantesimo anniversario della nascita di Confesercenti e ringrazio tutti i delegati per aver unanimemente riposto in me la fiducia per guidare l’associazione nel prossimo quadriennio. E’ una responsabilità forte – dice Salvatore Petrella -, che sento tutta e di cui sono pronto a farmi carico forte del sostegno di donne e uomini che volontariamente hanno prestato e presteranno parte del loro prezioso tempo per assistere al meglio le imprese della provincia di Caserta”.
L’assemblea del delegati, nella sede casertana di via Colombo, è stata anche un’occasione per fare il punto sulla crisi che il territorio sta attraversando: “ci siamo lasciati alle spalle un 2020 nel vero senso della parola indimenticabile – sottolinea il presidente di Confesercenti Caserta -. Tutto è cambiato: le nostre abitudini, il nostro lavoro, la nostra vita in famiglia, persino la fiducia nella scienza e nella medicina! Le paure e le preoccupazioni da allora ci hanno accompagnato e sono ancora con noi. E la prima parte del 2021 non è stata da meno. Il Covid19 si è mostrato essere una tragedia di dimensioni inimmaginabili. Per combatterlo e sconfiggerlo ciascuno di noi ha fatto e continua a fare la propria parte. Ci siamo trovati all’improvviso più fragili e più soli, con una grande incertezza e preoccupazione verso il futuro. Un senso di vuoto, di impotenza, ma anche un grande impegno per fare tutto il possibile per trasformare questa pandemia in un’opportunità e trovare anche soluzioni alla precedente ‘normalità’”.
I prossimi mesi ed i prossimi anni non saranno semplici: la Confederazione è chiamata ad un forte sforzo per rispondere alle esigenze delle imprese, a curare i rapporti con le istituzioni locale e ad essere da stimolo per il sostegno del commercio, del turismo e dei servizi.
“Porremmo in essere un’azione dinamica per offrire alle aziende un ampio ventaglio di servizi e di opportunità di sviluppo – conclude il neo eletto presidente –. Non sarà semplice ma abbiamo l’obbligo di rispondere in modo efficiente in materia di credito, formazione, assistenza contrattuale e politiche attive del lavoro. Svolgeremo il nostro ruolo sempre della stessa parte: vicino ai commercianti ed i piccoli imprenditori della nostra provincia”.