Salvatore Ronghi (Mns): Alitalia, urge un nuovo modello sindacale

50
In foto Salvatore Ronghi

“Lo schiacciante no dei lavoratori di Alitalia all’accordo tra sindacati e azienda fa emergere la pesante e definitiva bocciatura dei sindacati confederali e del managment aziendale e la necessità di una svolta totale per dare un futuro alla compagnia di bandiera”‘. È quanto afferma il coordinatore regionale del Movimento Nazionale per la Sovranità, Salvatore Ronghi.

“Urge un nuovo modello sindacale che superi i sindacati confederali, ormai distanti dalle esigenze dal mondo del lavoro e incapaci di rappresentarlo, e che renda protagonisti i lavoratori e i territori” – sottolinea Ronghi. Per l’esponente del Movimento guidato da Alemanno e Storace “si deve rilanciare la partecipazione dei lavoratori all’impresa, come previsto dall’art. 46 della Costituzione, ed approvare una nuova legge sulla rappresentatività che superi il modello confederale e valorizzi la rappresentanza aziendale”.