Salvini nel carcere di Poggioreale: Ricorreremo contro la nomina del garante dei detenuti

180
In foto Matteo Salvini

“Quel genio di de Magistris ha fatto una nomina contro cui la Lega ha fatto e farà ricorso in ogni sede possibile e immaginabile”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, in conferenza stampa, dopo la visita al carcere di Poggioreale, a Napoli, dopo la nomina di Pietro Ioia a Garante dei detenuti della città partenopea. “Se uno è stato in carcere per spaccio di droga, non penso possa garantire nessuno. Mi sembra l’ennesima scelta politica di de Magistris, per cui in molti gridano alla vergogna”, ha aggiunto.
“Chi sbaglia paga però a tutti va data una seconda chance, certo. Mi sembra che il signore scelto da de Magistris – ha sottolineato – abbia tutt’altra caratura. Al bando, a quanto mi hanno detto, c’erano professori di scuola, ex direttori di carcere e uno mi sceglie il paladino dell’abuso dal parcheggio alla droga. Chiamerò oggi stesso il perfetto perché, anche se non sono più ministro dell’Interno, non si può allentare la presa”. “Le donne e gli uomini della polizia penitanziaria sono frustrati di essere controllati da una persona che evidentemente non è super partes. A quanto ci hanno detto, uno che ha definito più di una volta in malo modo gli agenti della polizia penitenziaria, mi sembra surreale che faccia il Garante dei detenuti. Secondo noi, c’erano persone migliori in grado di garantire meglio i diritti di tutti”, ha concluso Salvini.

Penitenziario vecchio e sovraffollato

“Poggioreale e’ un carcere vecchio e sovraffollato. Presenteremo alla Camera e al Senato proposte in manovra per migliorare la vita degli agenti di polizia penitenziaria di Poggioreale e d’Italia”, ha detto ancora il leader della Lega. “Dopo mesi di attesa – aggiunge – finalmente siamo riusciti a mantenere l’impegno di fare visita agli agenti di Poggioreale e abbiamo raccolto il grido di allarme del carcere. Ci sono 500 detenuti in più e 150 poliziotti in meno: bisogna assottigliare questi numeri, assumendo poliziotti e costruendo più carceri. La nostra soluzione non è l’indulto. Che senso ha avere un carcere in pieno centro città? Bisogna rivedere l’urbanistica, così come anche a Roma e a Milano”.

De Magistris incapace, De Luca almeno è simpatico

De Luca “e’ un uomo simpatico, De Magistris neanche quello, ma entrambi non sono capaci di amministrare”, ha detto poi Salvini, intervistato da “Barba&Capelli”, trasmissione di Radio CRC che ha diffuso una sintesi delle sue parole. “Qui come per San Vittore a Milano, bisognerebbe rivedere l’urbanistica. Lo farà il prossimo sindaco di Napoli, che mi farebbe piacere fosse espresso dalla Lega”.

Sì a Caldoro candidato

“Sulla candidatura di Caldoro a presidente della Regione Campania – ha anche affermato Salvini – non avrei nulla da dire. In passato ha governato bene. Il mio obiettivo è che uomini e donne della Lega si occupino dei problemi della Campania come i rifiuti e le infrastrutture”.