Salvini incontra le imprese

11

Roma, 9 dic. (Adnkronos) – Prove di pace tra governo e imprese. “Abbiamo per la prima volta dialogato con il governo” dice il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, dopo l’incontro del vicepremier Matteo Salvini con i rappresentanti di 15 associazioni delle imprese sui temi di crescita e grandi opere. “Adesso aspettiamo gli effetti, aspettiamo i fatti” aggiunge. A chi gli chiedeva se si fosse trattato anche il tema della possibile apertura della procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia da parte di Bruxelles, Boccia ha risposto che “un elemento importante è che la trattativa con la Ue per evitare la procedura di infrazione sia ora nelle mani del premier” e con ciò “assume una determinazione e una legittimazione politica”. “Dunque – ha proseguito – c’è l’auspicio che non si entri in procedura: potrebbe comportare effetti negativi come la chiusura dei fondi di coesione e un rientro forzato del debito”.

”Il governo penso sia consapevole”, sostiene Boccia, del fatto ritenuto ”possibile” da alcuni economisti che l’Italia entri in recessione. ”L’appello del ministro Salvini alla compattezza nel 2019, che non sarà un anno facile, e il fatto che il governo inizi ad ascoltare le ragioni dello sviluppo e della crescita significa che c’è una consapevolezza che noi leggiamo in chiave positiva”, ha spiegato al termine dell’incontro al Viminale. Un appello che per Boccia ”ci può stare”’ in un momento delicato come l’attuale ma, avverte, ”abbiamo bisogno di capire in che direzione si vuole andare”.