Salvini tira dritto: “Avanti sulla Tav”

15

Roma, 27 lug. (AdnKronos) – tira dritto sulla Tav. “Dal punto di vista personale secondo me occorre andare avanti e non tornare indietro” dice il vicepremier e ministro dell’Interno ai microfoni di ‘Mattino24’ su Radio 24. “L’opera serve e se per caso da un’analisi attualizzata del 2018 non serve, costa di più bloccarla che non proseguirla? – si chiede il titolare del Viminale – Questo è il ragionamento che varrà su tutto, analisi costi benefici, la Tav, la Tap, la Pedemontana, Terzo Valico. Questo c’è scritto e questo faremo”.

“C’è l’analisi costi-benefici – aggiunge Salvini – non è che faccio pagare agli italiani miliardi”. Le parole di Salvini sembrano discostarsi dalla posizione assunta dal ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che nei giorni scorsi esprimendo “rabbia e disgusto per come sono stati sprecati i soldi dei cittadini italiani” e chiedendosi se abbia “senso o meno portare avanti un’opera nata male”.

LEGITTIMA DIFESA – “Nessuno vuole il Far West in Italia, nessuno vuole le pistole libere, al massimo c’è qualche ‘pistola’ in libertà, uomo che parla a vanvera”, ha sostenuto Salvini, commentando , Sergio Mattarella. “Semplicemente, con la legittima difesa – ha aggiunto il titolare del Viminale- vorremmo rendere meno complicato difendersi a coloro che sono in stato di aggressione da parte di delinquenti che le armi purtroppo ce le hanno. E quindi restituire il diritto alla legittima difesa all’interno della proprietà per chi legalmente, in maniera controllata, certificata detiene un’arma. Può essere anche un mattarello: se io ti trovo in casa mia alle tre di notte con i miei figli che dormono lì, non sono armato, non ho il porto d’armi, nè pistole, nè fucili, nè machete e nient’altro, però se trovo qualcosa a portata di mano sicuramente non aspetto che qualcuno in casa mia alle tre di notte mascherato mi spieghi che intenzioni ha”. “Penso che Mattarella – ha detto ancora Salvini – si riferisse ad altri e se il ‘Corriere della Sera’ vuol farmi litigare con Mattarella ha trovato la persona sbagliata”. Quanto all’ “se uno compra un fucile ad aria e si mette su un balcone a sparare a caso non c’entra niente con la legittima difesa e con Salvini – ha sostenuto il vicepremier – o ha dei problemi e va curato o se non ha dei problemi e lo ha fatto scientemente è peggio ancora”.

FAMIGLIA CRISTIANA – “Sono ministro da 57 giorni e in ognuno di questi giorni c’è stato un attacco violento da parte di qualcuno. Ma questi attacchi non mi toccano di un millimetro, non mi spaventano, non mi intimoriscono. Da giornalista, dico, non mi piacciono – ha sostenuto Salvini, facendo riferimento alla . “Certo, resto perplesso se un attacco frontale arriva da un settiminale come ‘Famiglia Cristiana’ che praticamente si dovrebbe occupare di perdono, di amicizia, di fratellanza, di apertura e che, tra l’altro, io leggevo da bambino – ha aggiunto il vicepremier – equiparare una persona che sta facendo il suo lavoro – che può piacere o no – a Satana, mi dice che probabilmente anche all’interno della Chiesa c’è un dibattito in corso. Grazie comunque a questa copertina, sono stato subissato di messaggi e chiamate di uomini e donne di Chiesa che la pensano in maniera contraria e che mi hanno chiesto di andare avanti”.

MANOVRA – Parlando della manovra finanziaria “sicuramente ci sarà un segnale di cambiamento rispetto agli ultimi anni, quantomeno l’inizio”, ha sostenuto Salvini, spiegando che “Flat tax, legge Fornero, reddito di cittadinanza saranno quantomeno incardinati” nella prossima manovra “rispettando vincoli e parametri. Non sono le tavole della Bibbia ma faremo di tutto perché sia così”. “Siamo già al lavoro su fondi passati, presenti e futuri: ad esempio -spiega l’esponente del governo- nelle pieghe del bilancio abbiamo trovato alcune centinaia di milioni di euro e abbiamo già superato il miliardo, che potrebbero essere spesi dai Comuni e dagli Enti locali a normativa vigente con coperture già esistenti oggi. Lo so io come lo sa il ministro Tria: quello che è previsto nel contratto di governo e quello che gli italiani si aspettano, almeno nella sua fase iniziale, sarà previsto nella manovra economica del prossimo autunno”. “Faremo l’esatto contrario di ciò che è stato fatto negli ultimi anni: ci occuperemo più della crescita che non del debito, perché l’unico modo per abbattere il debito è crescere di più. Alla fine – conclude Salvini – i saldi saranno positivi più con le nostre politiche di crescita che non con le politiche di taglio e austerità del passato”.

DL DIGNITA’- “Qualunque decreto all’esame del Parlamento può migliorare, deve migliorare, può essere arricchito, può essere completato – ha sostenuto Salvini, facendo riferimento al decreto dignità che la prossima settimana sarà votato in Aula – La reintroduzione dei voucher è uno degli esempi su cui abbiamo lavorato e stiamo lavorando. Così come bisogna ridurre al minimo la litigiosità”.

RAI- A proposito delle nomine Rai e negli Enti pubblici “siamo arrivati alla fine – ha spiegato Salvini – stiamo scegliendo le figure migliori”. “Stiamo facendo di tutto per valorizzare le risorse interne e non andare a prendere il ‘Messia’ altrove”, ha aggiunto il vicepremier.