“Samnes”, una storia d’amore racconta l’antico Sannio

46

Antonello Santagata, 59 anni, medico beneventano ma, con la passione nel sangue per la storia sannita. Una mezza dozzina di libri già mandati alle stampe, la sua ultima fatica, “Samnes” è un romanzo storico che narra la vita di Lomea, avvenente ragazza vissuta nell’antico Sannio del I sec. a. C., devota alla dea Jana, dunque una Janara e del suo amore contrastato con il guerriero Lucio. Samnes sar’à presentato sabato prossimo alle ore 18,30, presso il Chiostro Palazzo Sant’Antonio a Cerreto Sannita (Benevento). Con l’autore ci sarà Luigi Crimaco, archeologo e Docente di preistoria, protostoria e storia romana presso l’Università di Perugia. “Samnes” (Arpeggio Libero Editore di Lodi) gli ha procurato nel giro di appena sei giorni, due successi: il Premio Letteratura ai “Golden Books Awards” 2018 di Napoli e il Premio letterario città di Siena 2018 organizzato dalla Universita’à per gli stranieri di Siena, dal Gruppo Scrittori senesi e dall’Elba Book festival. Oltre alla menzione di merito al Premio Internazionale al femminile ‘Maria Cumani Quasimodo’ di Roma e la menzione al Premio Letterario “Fortuna” 2018 di Bari. Samnes è anche la storia di Lucio, fiero avversario dei conquistatori romani, giovane legato del comandante sannita nella battaglia di Porta Collina che segno’ la fine della Guerra Civile tra Mario e Silla e, con essa, la fine dei Sanniti. All’epoca nacquero due miti che hanno da sempre caratterizzato il Sannio. Quello, concreto e reale, dei gladiatori e quello, molto piu’ fantastico, delle streghe dette janare. I Romani utilizzavano il termine “samnes” come sinonimo per indicare sia il Sannita che il gladiatore ed ancora oggi la parola “strega” fa correre il pensiero direttamente a Benevento, capoluogo del Sannio campano. Anche il vino è un prodotto tipico delle terre sannite da oltre duemila anni. La trama, che si svolge nei giorni attorno alla battaglia dell’82 a.C., vuole essere un mezzo per indagare sulla vita dei Sanniti, per affacciarsi sul loro mondo e per saperne di piu’ su un pezzo della loro storia spesso trascurato.