San Carlo, de Magistris:
Non ratifico atti Lignola

40

Non ho intenzione di ratificare nulla di quello che è stato fatto quest’anno”. Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, spiega che durante quest’anno Rosanna Purchia, sovrintendente Non ho intenzione di ratificare nulla di quello che è stato fatto quest’anno”. Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, spiega che durante quest’anno Rosanna Purchia, sovrintendente del Teatro San Carlo, e Michele Lignola, commissario del lirico partenopeo, “hanno lavorato da soli. Di quello che hanno fatto – dice – non so assolutamente nulla“. E siccome “si tratta di transazioni e contratti, io non ratifico. Sindacati e lavoratori – afferma de Magistris – hanno riferito che è stato chiesto di firmare transazioni, anche a chi non aveva contenziosi in atto, per continuare a lavorare“. De Magistris ha anche definito “grave” e “più che ingiuriosa, falsa” la lettera che Rosanna Purchiaha inviato a consiglieri e revisori dei conti e ha allegato anche al suo curriculum, quasi fosse elemento portante“. De Magistris ha riferito di aver parlato della lettera, la scorsa settimana, con il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, consigliere della Fondazione. “Con lui e con il suo capo di Gabinetto – afferma de Magistris – e in seguito è arrivata una seconda lettera della Purchia che in qualche modo correggeva il tiro“. Al posto “di altri, se quella lettera avesse espresso critiche contro altri del Cdi, io non avrei optato per Purchia“, ha concluso de Magistris.