San Giorgio a Cremano, uova e colombe pasquali a oltre mille famiglie in difficoltà

121
in foto Giorgio Zinno, sindaco di San Giorgio a Cremano

Uova di Pasqua e colombe artigianali realizzate in terre confiscate alla criminalità, consegnate ad oltre 1100 famiglie sangiorgesi. E’ l’iniziativa dell’amministrazione guidata dal sindaco Giorgio Zinno a favore dei concittadini in difficoltà economica. “Un’ulteriore misura di sostegno – si legge in una nota del Comune – a cui seguirà subito dopo Pasqua, anche la consegna di pacchi con generi alimentari. Le famiglie destinatarie sono le stesse nel periodo di Natale hanno ricevuto i buoni spesa. L’acquisto di tali generi alimentari è finanziato con i fondi residui dei bonus natalizi, pari a 70 mila euro; somma la cui spesa è vincolata da un’ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile per il contrasto dell’emergenza alimentare dovuta alla crisi da Covid-19. Ad occuparsi della distribuzione, i volontari di Protezione Civile che sono partiti questa mattina, consegnando le prime centinaia di “dolci e cioccolato”, affinchè possano arrivare in tempo per le festività pasquali”.
“Si tratta di un’altra misura importante – continua il comunicato – che, dopo quelle di Natale (bonus spesa e bonus per acquisti), d’accordo con l’assessore Giuseppe Giordano, si propone di dare nuovamente aiuto alle famiglie sangiorgesi e nello stesso tempo conferma che l’amministrazione non intende lasciare alcuno solo, ma al contrario accompagna i cittadini in questo periodo difficile, ascoltando le necessità e provando ad interpretare i bisogni della comunità”. “In questo lungo periodo di emergenza e con la conseguente difficoltà economica che ha colpito molte famiglie – spiega il sindaco Giorgio Zinno – abbiamo cercato di far sentire ai nostri concittadini che non sono soli e abbiamo cercato di soddisfare le esigenze di coloro che appartengono a varie categorie, investendo risorse e programmando le azioni da intraprendere per lo sviluppo sociale della nostra comunità”. E’ dall’inizio dell’emergenza infatti che l’amministrazione offre misure di sostegno economico a chi ha subito la crisi. In particolar modo, da Natale a oggi sono stati consegnati bonus spesa e buoni per gli acquisti di Natale, acquistati oltre 300 tablet per consentire agli alunni che non possiedono strumenti tecnologici, di seguire le lezioni in Dad come tutti gli altri; dati bonus alle famiglie dei nuovi nati per sostenere i neo genitori colpiti dalla crisi; distribuiti oltre mille saturimetri che sono stati consegnati alle famiglie in difficoltà, e con il progetto Itia, sono stati donati anche 100 kit con misuratori di pressione, saturimetri e termoscanner a chi è positivo al covid e in difficoltà economica per consentire di monitorare il proprio stato di salute anche a distanza.”L’emergenza sanitaria ha sicuramente evidenziato nuovi bisogni e accentuato le disuguaglianze – conclude Giordano creando ulteriori esigenze a cui bisogna dare risposte concrete e risolutive. Con il Sindaco Zinno stiamo procedendo in questa direzione, agendo a 360 gradi per sostenere ma anche per infondere fiducia verso il futuro”.