San Pietroburgo, messa a Napoli in ricordo delle vittime dell’attentato

44

Il Consolato onorario della Federazione Russa in Napoli ha commemorato le vittime dell’attentato che ha colpito la città di San Pietroburgo. Alle 14.30 di ieri si è tenuta una messa nella chiesa ortodossa di Napoli, la Chiesa dell’Apostolo Andrea Primochiamato, celebrata dal parroco della chiesa, padre Michail Povalyaev. Presente l’intero staff del Consolato Russo in Napoli, con in testa il console onorario Vincenzo Schiavo: “Ciò che è accaduto a San Pietroburgo – dice Schiavo – è un’immensa tragedia, un atto di pura vigliaccheria da parte di gente che prova sdegno per la vita umana. Ai figli, ai fratelli e sorelle uccisi nell’attentato terroristico va la nostra preghiera. Ieri sono stato a Roma per incontrare l’ambasciatore Sergej Ratzov; mi ha chiesto di ringraziare tutta la diaspora russa per essere qui oggi. L’ambasciatore si è detto commosso per aver ricevuto ogni tipo di proposta di aiuto da parte dei cittadini italiani”.
Larga la partecipazione della comunità russofona residente in Campania: a nome di essa ha salutato i presenti, nel corso della funzione commemorativa, Ioulia Minsker, presidente dell’ associazione Aiuto. Tra gli intervenuti da segnalare anche Tatiana Pumpulyeva, presidente dell’associazione Bellarus, Ljudmila Kolodina, presidente associazione Slavyane, Nadezhda Krasnik, presidente associazione Nika, Marina Kotik, presidente associazione “amici dell’arte” e Francesco Borrelli, consigliere della Regione Campania. Molteplici le iniziative napoletane per commemorare le vittime dell’attentato di San Pietroburgo: dopo la messa, nel tardo pomeriggio c’è stata la manifestazione di solidarietà della Cgil di Napoli, con in testa Jamal Qaddorah, rappresentante della sezione esteri. La delegazione ha portato una corona di fiori nei pressi del Consolato della Federazione Russa in via Partenope, alla presenza del Console Vincenzo Schiavo.