Sanità, in 8 anni 45mila lavoratori in meno: pesano i tagli nelle Regioni con piano di rientro

257

In otto anni, tagli e blocco del turnover hanno ridotto di 45mila unità il personale della sanità pubblica, da medici a infermieri, da ostetriche a radiologi. Se la forza lavoro impiegata complessivamente nelle amministrazioni pubbliche nel 2016 è in calo rispetto al precedente anno, la Sanità è il secondo comparto in ordine di riduzione del personale: quasi 5mila in meno nel 2016 rispetto al 2015. Ma diventano 45mila se le si confronta col 2009. E’ quanto si legge nel Conto economico del personale della Pubblica amministrazione 2016, pubblicato dalla Ragioneria generale dello Stato. Il racconto di un Sistema sanitario depauperato della forza lavoro lo fanno le cifre del Ministero dell’Economia. “Per gli enti del Servizio sanitario nazionale – si legge – la riduzione del personale avvenuta nel 2016 (4.808 unità) rispetto al 2015 è la seconda più elevata in termini assoluti fra tutti i comparti”. La ‘buona notizia’ è che si tratta di un calo pari a poco meno della metà di quello registrato nell’anno precedente, che era stato di 10.325 unità.
Ma, si rileva nel documento, “nel confronto con il 2009, anno con il massimo numero di occupati nella sanità pubblica, a fine 2016 risultavano impiegate 45.053 unità in meno”. In questo arco di tempo infatti, i dipendenti del Servizio sanitario nazionale, ovvero i lavoratori di asl, ospedali, Irccs (istituti di ricovero e cura a carattere scientifico) e policlinici, sono passati da 693.716 unità a 648.663. Cifra che tra l’altro rappresenta il picco più basso nel decennio (2007-2016). Chiaramente, si ricorda, a pesare sono stati in particolare i piani di rientro della spesa sanitaria, cosa che nel 2016 ha riguardato Lazio, Abruzzo, Campania, Molise, Sicilia, Calabria, Piemonte e Puglia.