Sanità, Beneduce: Grave assenza di specialisti sulla costiera Sorrentina

49
In foto Flora Beneduce

“La vicenda riportata in queste ore da un autorevole quotidiano relativa a bambini e ragazzi disabili (dai 3 ai 18 anni) abbandonati al loro destino sul territorio di Sant’Agnello, in Costiera sorrentina, per l’assenza di un medico specialista in neuropsichiatria della Asl Napoli 3 Sud grida vendetta. L’impiego di giovani specializzandi negli ospedali e sul territorio non è più di fatto rinviabile”. Lo dichiara Flora Beneduce, consigliera regionale e componente della Commissione Sanita’ della Campania. “Ciò che sta accadendo e’ davvero surreale. I piani terapeutici non sono rispettati per mancanza di personale, i genitori dei pazienti vengono sballottolati da una parte all’altra della provincia napoletana senza il minimo garbo. Il tutto peggiorato da un’aggravante economica, la scelta, spesso obbligata perche’ dettata dalla disperazione, di rivolgersi a strutture private. In questo caso c’e’ una responsabilita’ della governance della Asl, che negli ultimi anni ha mostrato limiti evidenti nella programmazione”, prosegue la consigliera azzurra. “Siamo davanti ad una sanita’ campana in tilt. Mancano le cure essenziali, la legge regionale sull’autismo e’ stata dichiarata incostituzionale e le corsie degli ospedali cosi’ come gli ambulatori delle Asl iniziano a svuotarsi irreversibilmente per Quota 100 e i pensionamenti gia’ programmati. Chiediamo al presidente De Luca di far rispettare la mozione approvata dal Consiglio regionale sugli ospedali di insegnamento, con l’impiego degli specializzandi agli ultimi anni di corso nel nostro sistema sanitario. Una proposta sottoscritta da me insieme al capogruppo di Forza Italia Armando Cesaro e al vicepresidente Ermanno Russo e licenziata dall’aula gia’ due mesi fa”, conclude Beneduce.