Sanità, il ministero risponde a De Luca su nuovi punti nascita

145

“Attualmente è in itinere l’invio alla Regione del parere ufficiale che il comitato percorso nascita ha espresso nella riunione del 2 luglio scorso per i tre punti nascita in oggetto. Si precisa che il comitato percorso nascita è un organismo tecnico, insediato al ministero, che si avvale della competenza di esperti nominati dall’Iss, dall’Agenas, nonchè, in particolare, di tre esperti nominati dalla Commissione Salute delle Regioni, pertanto il ministro della Salute non può che prendere atto dei pareri formulati dal suddetto comitato”. Cosi’ in una nota il ministero della Salute dopo le dichiarazioni dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sul parere negativo espresso dal ministero alla seconda richiesta di deroga per i tre punti nascita di Sapri, Polla e Piedimonte. “Si sottolinea, inoltre, che le Regioni, in virtu’ dell’autonomia organizzativo gestionale conferita dalle modifiche del titolo V della Costituzione, hanno la facolta’ di definire la propria rete dei punti nascita a prescindere dai pareri consultivi espressi dal comitato Pn, assumendosene la piena responsabilita’ qualora disallineati rispetto a quanto previsto dall’Accordo 16/12/2010, dal Dm 11/11/2015 e dal Dm 70/2015. La Regione Campania, in sede di comitato percorso nascita, ha ufficializzato l’intenzione di voler procedere a una nuova programmazione del percorso nascita, pertanto tavolo e comitato Pn restano in attesa del nuovo documento di programmazione che, a tutt’oggi, non e’ arrivato”, conclude la nota.