Sanità, nuovo piano ospedaliero: 1637 posti in più

111

Passeranno a 19841 i posti letto in Campania rispetto agli attuali 18204. E’ quanto prevede il nuovo piano ospedaliero della Regione Campania presentato oggi dal presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca. L’incremento sarà dunque di 1637 posti che consentirà cosi’ di avere a disposizione 3,6 posti letto per 1000 abitanti, così come permesso dal ministero della Salute. Il piano prevede, inoltre, “il mantenimento delle attività nei presidi per i quali era prevista la chiusura” anche se ci sarà “l’aggregazione di stabilimenti attivi nell’ambito di una azienda o presidio maggiore per migliorare l’offerta specialistica (Rummo con Sant’Agata e Pascale con Ascalesi, Eboli/Battipaglia/Roccadaspide, Vallo della Lucania/Agropoli, Torre del Greco/Boscotrecase). I Dea di II livello saranno 8, 9 quelli di primo livello, 27 i pronto soccorso e 4 quelli in zona disagiata. Obiettivo del piano è anche quello di “risolvere le problematiche delle case di cura con meno 40 e meno di 60 posti letto che non avessero un’unica disciplina”. La loro chiusura, è stato evidenziato, comporterebbe una perdita netta di circa 1200 posti di lavoro. Infine il piano prevede mantenere attivi 7 punti nascita, il mantenimento delle attività nei previsti per i quali era stata prevista la chiusura e l’apertura di nuovo pronto soccorso al Cto. In ultimo le strutture sanitarie universitarie entreranno nelle reti tempo/dipendenti con accettazione nell’arco delle 24 ore.