Sanità, prevenzione oncologica al Ferraioli di Napoli

423

Un ambulatorio prevenzione senologica targato LILT Napoli, un progetto di educazione sanitaria firmato Ruota Libera Onlus. Sono le due tra le più interessanti iniziative che scandiranno il prossimo anno scolastico dell’Istituto Alberghiero di Napoli “A. E. Ferraioli” guidato dalla preside Rita Pagano. L’annuncio è stato dato nel corso del tradizionale pranzo di gala organizzato dai docenti Angelo Russo (cucina) e Antonio Sorrentino (sala) insieme coi docenti Mario Settembrale, Mauro Peluso e Carmine Maffettone (cucina) e Anita Miniello, Antonietta Paresce e Raffaella Giugliano (ricevimento), in occasione della cerimonia di consegna dei titoli di studio agli aspiranti chef.
Menù delle grandi occasioni, particolarmente apprezzati gli antipasti di mare in trionfo di mandorle e il filetto di orata su letto di millefoglie di verdure, sapientemente preparati ed elegantemente serviti dai migliori allievi del prestigioso alberghiero partenopeo ad un parterre di tutto rispetto. Tra gli ospiti del galà, infatti il vice direttore dell’Usr Campania Fabrizio Perrella, il comandante della Nunziatella Amedeo Cristofaro, il presidente dell’Osservatorio Anticamorra di Scampia Giovandomenico Lepore, il presidente della LILT Napoli Adolfo Gallipoli D’Errico, il vice presidente nazionale di Confcommercio Maurizio Maddaloni ed il garante per l’adolescenza e l’infanzia Giuseppe Scialla.
Particolarmente soddisfatta, la dirigente scolastica Rita Pagano: “ci lasciamo alle spalle un anno pieno di gratificazioni, proseguiamo, in una logica di assoluta apertura alle nuove esperienze formative e al territorio, con progetti sempre più interessanti forti dell’impegno di tante istituzioni e associazioni regionali e cittadine. La vera buona scuola”.
“In partnership con la Regione e il Comune di Napoli – ha spiegato preside a proposito del progetto di educazione sanitaria – accenderemo i riflettori su fenomeni particolarmente sentiti dal mondo giovanile come l’alcolismo, l’anoressia e la bulimia o la trasmissione di malattie veneree formando gli alunni più grandicelli che a loro volta diverranno i coach dei più giovani”.
“La realizzazione di un video promozionale girato dai ragazzi – ha spiegato Maria Teresa Ferrari, referente del progetto di formazione sanitaria e sociale degli studenti – sarà da un lato il coronamento finale di questa esperienza formativa e dall’altro uno straordinario strumento di promozione della salute”.
“Struttureremo, come già facciamo in altre scuole – ha spiegato il professor Gallipoli D’Errico –, un vero e proprio ambulatorio di prevenzione senologica che metteremo a disposizione, in ragione di uno specifico calendario, tanto delle docenti quanto delle madri degli alunni”.