Sanità, protesta a Pozzuoli per la chiusura del centro autismo Serapide

57


Operatori del centro dell’autismo Serapide e genitori dei pazienti sono scesi oggi in piazza a protestare contro la chiusura delle sede flegrea di via Campana decretata dall’Asl Napoli 2. Il centro, attivo da quattro anni in sinergia Asl e Centro Riabilitativo Serapide, secondo le direttive dei responsabili flegrei dell’Asl Na2 deve chiudere entro il prossimo 31 luglio. Prevista l’apertura di una nuova struttura a Qualiano, riservata solo ai pazienti minorenni. Attualmente il centro di via Campana si avvale di 22 operatori socio-sanitari ed assiste 46 pazienti senza limiti di età. Per alcuni casi l’assistenza è assicurata per sei ore giornaliere cinque volte a settimana. I manifestanti dopo un breve corteo nel centro storico di Pozzuoli hanno sostato a lungo a Piazza a mare, nei pressi del porto, dove allestito un gazebo, hanno raccolto firme contro la chiusura del centro, ritenuto per qualità dei progetti attuati ed assistenza tra i primi in Campania. La chiusura della sede comporta il licenziamento degli operatori, già messi in mobilità e lo smembramento in strutture fuori dal territorio per i pazienti. Alla protesta si è associato anche il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, che ha firmato la petizione e sostato a lungo con gli operatori ed i parenti dei pazienti. “Come più volte detto – dice Figliolia – per noi questa è una realtà da tutelare nel suo complesso e da sostenere. Faremo di tutto per scongiurarne la chiusura”.