Sanità, sit-in dei privati per il mancato rinnovo del contratto

29

Sit-in dei lavoratori della sanità privata all’esterno della prefettura di Napoli per protestare contro la mancata firma della pre-intesa per il rinnovo del contratto di lavoro della sanita’ accreditata. “E’ una scelta scellerata e vergognosa da parte di Aris e Aiop. I lavoratori e le lavoratrici attendono quella firma da 14 anni, i diritti dei lavoratori non vanno in vacanza”, ha spiegato il segretario generale Fp Cgil Salerno, Antonio Capezzuto, che ha partecipato al presidio regionale promosso da Cgil, Cisl e Uil Campania nell’ambito della mobilitazione nazionale indetta dal comparto per chiedere il rinnovo del contratto di lavoro. “Oggi – ha detto Capezzuto – siamo in presidio a Napoli insieme alle altre categorie della Campania per cercare di far recedere le due principali associazioni di categoria dalle proprie decisioni. Perche’ gli operatori della sanita’ privata sono anche oggi in servizio continuando a supportare l’utenza durante l’emergenza coronavirus e, per questo, sono stati definiti eroi durante la pandemia. Per noi non sono eroi: sono lavoratori e lavoratrici che meritano il riconoscimento dei loro diritti e, dopo 14 anni, e’ il momento di esigerli”.