Sanremo, la Società di Pediatria preventiva promuove il Festival: Occasione di ascolto genitori-figli

43
in foto il teatro Ariston di Sanremo (ph Carlo Capodanno)

“Il Festival di Sanremo può essere una occasione di ascolto della musica per la famiglia, anche se soprattutto per gli adulti, considerando che viene trasmesso nelle ore serali. La rassegna canora dura infatti anche fino all’una di notte e le canzoni vengono programmate in ore improbabili perché i bambini le possano ascoltare. E poi il Festival miscela incontri, sketch, musica di tutti i tipi, non sempre idonea ai bambini. Posso comunque dire che il Festival è una occasione per riflettere su quanto la musica in generale sia una occasione di incontro, anche sociale, tra genitori e figli. Mamme e papà non devono perdere una grande occasione, quella di fare e ascoltare musica con i propri bambini. E i pediatri italiani sono d’accordo nell’affermare che la musica fa bene”. Lo spiega all’agenzia Dire il pediatra di Bergamo e responsabile dell’educazione alla salute e della comunicazione della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (Sipps), Leo Venturelli, a poche ore dal via del 74° Festival della Canzone Italiana.

“La musica, come il gioco infantile o la lettura dei libri- prosegue- è un momento fondamentale per la crescita dei propri figli, a qualsiasi età. Pensiamo a quante canzoni del Festival di Sanremo sono diventate negli anni patrimonio comune o, soprattutto, pensiamo al Festival dello Zecchino d’Oro, di cui alcune canzoni hanno accompagnato la crescita di tanti bambini, dall’asilo a scuola. Mi vengono in mente ‘Quarantaquattro gatti’ o ‘Il coccodrillo come fa?’, classici della canzone per bambini che ormai fanno parte del patrimonio musicale italiano, alla stregua di canzoni ancor più famose e tradotte in più lingue, come ‘Fra Martino campanaro’ e ‘Nella vecchia fattoria’”.

“La musica come mezzo di comunicazione- aggiunge l’esperto- è sempre stata importante, fin dai tempi antichi: ballare, cantare o suonare degli strumenti fa parte integrante della storia dell’umanità”. “In gravidanza- evidenzia Venturelli- la mamma che ascolta musica condivide questa esperienza sonora anche al proprio bimbo. Questo è davvero importante, perché la musica viene recepita dal cervello e utilizzata come momento di benessere, produttore di dopamina, fin dal secondo trimestre di vita dal feto. Poi, dopo la nascita, ascoltare, sentire la propria mamma, significa poter imparare a ripetere, a parlare, ad acquisire la lingua madre”.

“Lo sviluppo neuroevolutivo del bambino- precisa il dottor Venturelli- è indubbiamente legato al fatto di sentire la voce, il ritmo, le pause e i silenzi alternati. I pediatri di famiglia sanno perfettamente che lo sviluppo neuroevolutivo di un bambino si basa anche sui ritmi musicali e sull’apprendere canzoni, musica e movimenti specifici come la danza”. Il responsabile dell’educazione alla salute e della comunicazione della Sipps si sofferma poi su quando i genitori dovrebbero far ascoltare la musica ai propri figli e sulle funzioni da essa svolte. “Fin dalla gravidanza è certamente fondamentale- sottolinea- ma anche nei primi mesi di vita la musica diventa un elemento importantissimo nel rapporto tra mamma e figlio, che riguarda la stimolazione dei sensi del bambino. Le prime lallazioni, tra l’altro, avvengono proprio quando la mamma canticchia ninne nanne e ritornelli al proprio figlio, guardandolo negli occhi, parlandogli davanti, viso a viso”. Poi il bambino cresce e quando raggiunge i 10-12 mesi, può ‘comporre musica’ utilizzando strumenti molto semplici.

“Per praticare musica il piccolo può usare coperchi delle pentole o i mestoli di legno, oggetti trasformati in strumenti musicali o sonori”. Più il bimbo cresce, più il ritmo coinvolge il camminare, il muoversi. “Il piccolo- evidenzia Venturelli- fa quella che definiamo ‘danza’, o comunque un movimento ritmico legato alla musica e poi si mette lui stesso a cantare. Dai 3 ai 6 anni il bambino è in grado di inventare e cantare musiche per giocare in compagnia dei suoi coetanei, per raccontare storie, per imparare a contare, a elencare le parti del corpo, i colori, i giorni della settimana. Poi, dopo i 6 anni è addirittura il bambino che può apprendere o capire che gli piace di più un tipo di musica rispetto a un altro, può partecipare a corsi organizzati, ascoltare musica in gruppo”.