Savona: Superare il gap con il Centro-Nord. Mobilitazione generale forze vive del Sud

23

Il Pil pro-capite del Mezzogiorno è il 46% di quello del resto d’Italia, quindi potrebbe aspirare a ottenere un “diritto di tiraggio” minimo di 70 mld in 19 mesi che, con un buon parco progetti e un ruolo attivo della Banca d’Italia e del Governo, fornirebbe una capienza finanziaria più che sufficiente per realizzare il programma proposto. Per la messa a punto dei sei interventi si devono creare altrettante task force, avvalendosi della collaborazione delle istituzioni esistenti (Università, Centri Studi, CD, Bei, ecc.)”. Lo sostiene Paolo Savona nel corso del suo intervento all’iniziativa promossa dal Denaro e dalla Fondazione Matching Energies nell’ambito della rassegna economica Napoli 2020. “In breve – dice Savona – si propone una mobilitazione generale delle forze vive del Mezzogiorno e del Paese coscienti dell’importanza del problema per un superamento qualitativo dei divari con il Centro-Nord“.