Scambio di visite degli ambasciatori tra Napoli e Baku

11
In foto Mammad Ahmadzada, ambasciatore dell'Azerbaijan in Italia

L’Ambasciatore Mammad Ahmadzada ha incontrato il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Durante l’incontro è stato ricordato il gemellaggio che dal 1972 lega Napoli alla capitale dell’Azerbaigian, Baku. A tal proposito le parti hanno condiviso la volontà di realizzare, nell’anno 2019, eventi culturali nelle due città, che possano rinforzare ulteriormente i legami bilaterali.
Il gemellaggio nasce dalla similitudine visiva che caratterizza i due golfi è che diede spunto alla nascita dell’Associazione Napoli Baku che lavora affinché le relazioni bilaterali siano sempre in crescita.
Inoltre, sempre in seno alla visita a Napoli, l’Assessore regionale alla Ricerca Scientifica e Attività Produttive, Antonio Marchiello, a Palazzo Santa Lucia ha incontrato, su delega del presidente Vincenzo De Luca, l’ambasciatore dell’Azerbaigian Mammad Ahmadzada.
Nel corso del cordiale colloquio, al quale hanno presenziato la consigliera regionale Antonella Ciaramella, componente della Commissione Attività Produttive, il presidente dell’Associazione Napoli-Baku Giuseppe Caniglia, e il direttore del settore Attività Produttive della Regione Campania, Roberta Esposito, si è convenuto di rafforzare i rapporti commerciali tra la Campania e l’Azerbaigian, così come già da tempo avviene tra il capoluogo partenopeo e la capitale azera, gemellati dall’inizio degli anni Settanta. Principale partner commerciale dell’Azerbaigian, l’Italia importa dal paese dell’ex blocco sovietico il maggior quantitativo di petrolio per il proprio fabbisogno e farà altrettanto per il gas nel giro di qualche anno. L’Azerbaigian, che conta circa 10 milioni di abitanti, si trova in una posizione strategica che gli consente, attraverso accordi commerciali, di raggiungere 200 milioni di consumatori in un’area molto vasta. A conferma degli ottimi rapporti con la Campania, e della volontà manifestata di incentivarli, l’ambasciatore Ahmadzada ha invitato il presidente De Luca e l’assessore Marchiello a visitare Baku in occasione di ‘Interfood 2019’, manifestazione che si terrà a maggio prossimo nella capitale azera. Il diplomatico ha sollecitato la partecipazione della Campania alla kermesse con un proprio padiglione di prodotti tipici, molto apprezzati nel suo Paese. Contemporaneamente a questi incontri, l’AmbasciatoreL italiano in Azerbaijan Augusto Massari ha visitato nei giorni scorsi, su invito del rettore Jeyhun Mammadov, l’Istituto di Teologia di Baku. L’istituto, reso autonomo da un decreto del presidente Ilham Aliyev all’inizio del 2018, ha inglobato al suo interno la vecchia Facoltà di Teologia dell’Università Statale di Baku. Vanta due dipartimenti: quello di Islamisitica e quello di Studi Religiosi. Quest’ultima sezione comprende corsi di approfondimento sia sul Cristianesimo che sul Giudaismo. Sono già 130 gli studenti iscritti. Nel corso dell’incontro, il rettore Jeyhun Mammadov ha affermato che è sua volontà entrare in contatto con altri Istituti di Teologia stranieri, per poter apprendere dall’esperienza di altri Paesi. Il rettore si è detto interessato a instaurare collaborazioni con istituti e atenei italiani. A seguire, Massari ha incontrato gli studenti dell’Istituto, e dibattuto con loro sul contributo della religione nelle relazioni internazionali e sul ruolo dell’esperienza religiosa come fattore fondante di una società. Massari è il primo Ambasciatore di un Paese non musulmano a essere stato invitato a parlare all’Istituto di Teologia di Baku.