Scienza, in arrivo la pillola anti-obesità: promette gli stessi benefici dello sport

374
(fonte foto Nature)

Si chiama Lac-Phe, e’ una molecola che potrebbe combattere l’obesità riducendo l’assunzione di cibo e la sensazione di fame. A delineare questa interessante prospettiva gli scienziati del Baylor College of Medicine e della Stanford School of Medicine, che hanno pubblicato un articolo sulla rivista Nature per rendere noti i risultati del loro lavoro. Il team, guidato da Yong Xu, ha utilizzato un modello murino per valutare gli effetti della molecola. “E’ stato dimostrato che l’esercizio fisico puo’ coadiuvare la perdita di peso – afferma Xu – comprendendo il meccanismo attraverso cui l’attivita’ fisica innesca questi benefici potremmo aiutare molte persone a ritrovare la linea in fretta e senza sforzi eccessivi”. Queste informazioni, commentano gli esperti, migliorano la conoscenza relativa ai processi fisiologici alla base dell’interazione tra esercizio fisico e sensazione di fame. “Ci sono soggetti che non hanno modo di compiere abbastanza esercizio fisico – aggiunge Jonathan Long, collega e coautore di Xu – ad esempio, le persone anziane o fragili potrebbero trarre beneficio dall’assunzione di un farmaco che contribuisce a contrastare l’osteoporosi, le malattie cardiache e una serie di condizioni problematiche”. Lac-Phe, riportano gli studiosi, e’ un amminoacido sintetizzato dal lattato, un sottoprodotto associato all’esercizio fisico intenso, e dalla fenilalanina, un amminoacido alla base delle proteine. Il gruppo di ricerca ha considerato una coorte di topi obesi, a cui e’ stato assegnato un dosaggio elevato di Lac-Phe. Questi esemplari, riportano gli scienziati, hanno mostrato una riduzione del 50 per cento nell’assunzione di cibo rispetto agli animali di controllo, e non sono stati osservati effetti collaterali sulla capacità di movimento o sul dispendio energetico. Somministrato per dieci giorni, Lac-Phe ha ridotto l’assunzione cumulativa di cibo e il peso corporeo, favorendo la perdita di grasso corporeo, e migliorando la tolleranza al glucosio. Gli esperti hanno anche identificato CNDP2, un enzima coinvolto nella produzione di Lac-Phe. I topolini con livelli esigui di questo enzima, infatti, non perdevano tanto peso nonostante un rigido schema di esercizio. “Questi primi risultati – conclude Xu – sono davvero interessanti. Il nostro obiettivo e’ imparare a modulare questi composti in modo da fornire all’organismo gli stessi benefici associati all’attivita’ fisica”.