Scienza, l’acqua sul Pianeta Terra? Arriva dagli asteroidi

57
(foto da Pixabay)

L’acqua potrebbe essere stata portata sulla Terra da asteroidi provenienti dai bordi esterni del sistema solare. Lo ha affermato un team di scienziati in uno studio pubblicato su Nature Astronomy, dopo aver analizzato rari campioni raccolti in una missione spaziale giapponese di sei anni. Nel tentativo di far luce sulle origini della vita e sulla formazione dell’universo, i ricercatori stanno esaminando il materiale riportato sulla terra nel 2020 dall’asteroide Ryugu. I 5,4 grammi di rocce e polvere sono stati raccolti da una sonda spaziale giapponese, chiamata Hayabusa-2, che è atterrata sul corpo celeste e ha sparato un “impattatore” sulla sua superficie. A giugno i ricercatori avevano affermato di aver trovato materiale organico che ha mostrato che alcuni degli elementi costitutivi della vita sulla Terra, gli amminoacidi, potrebbero essersi formati nello spazio. In un nuovo articolo, gli scienziati hanno affermato che i campioni di Ryugu potrebbero fornire indizi sul mistero di come gli oceani siano apparsi sulla Terra miliardi di anni fa. “Gli asteroidi di tipo C volatili e ricchi di sostanze organiche potrebbero essere stati una delle principali fonti di acqua terrestre”, ha affermato lo studio condotto da scienziati giapponesi e di altri paesi. “La consegna di sostanze volatili (cioe’ sostanze organiche e acqua) sulla Terra e’ ancora oggetto di un notevole dibattito”, ha affermato. Ma i materiali organici trovati “nelle particelle di Ryugu, identificate in questo studio, rappresentano probabilmente un’importante fonte di sostanze volatili”. Gli scienziati hanno ipotizzato che tale materiale abbia probabilmente un’ “origine esterna del Sistema Solare”, ma hanno affermato che e’ “improbabile che sia l’unica fonte di sostanze volatili trasportate sulla Terra primordiale”. Hayabusa-2 e’ stato lanciato nel 2014 nella sua missione su Ryugu, a circa 300 milioni di chilometri di distanza, ed è tornato sull’orbita terrestre due anni fa per rilasciare una capsula contenente il campione. “Le particelle di Ryugu sono senza dubbio tra i materiali del Sistema Solare piu’ incontaminati disponibili per lo studio di laboratorio e le indagini in corso su questi preziosi campioni amplieranno sicuramente la nostra comprensione dei primi processi del Sistema Solare”, afferma lo studio.