Sciopero Fiom a Napoli
Tensione tra Governo e sindacati

77

Grande partecipazione a Napoli per la manifestazione nazionale dei metalmeccanici della Fiom Cgil: sono infatti circa ventimila le presenze che Grande partecipazione a Napoli per la manifestazione nazionale dei metalmeccanici della Fiom Cgil: sono infatti circa ventimila le presenze che il sindacato ha stimato, anche se al momento non ci sono riscontri ufficiali. Alla testa del corteo Maurizio Landini, leader della Fiom, mentre sono giunte delegazioni dell’Ilva di Taranto e delle acciaierie di Terni. Ha voluto manifestare al fianco dei lavoratori anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Il corteo, che si è riunito nei pressi di piazza Mancini, ha avuto forte presa anche sugli studenti ed è stato salutato da striscioni e slogan all’ingresso della sede dell’Università di Napoli Federico II. Sindacati-Governo, alta tensione La tensione tra il premier Matteo Renzi e i sindacati resta ancora alta. Renzi attacca dalla riunione degli industriali europei: “tolto l’ostacolo dell’articolo 18, ora si può investire in Italia”. Landini non tarda a replicare: “Renzi – dice il leader Fiom – non cambia il Paese da solo. Da solo risponde solo ai poteri forti”. Gli attacchi al premier non si fermano qui, perché secondo Landini il Governo non gode del consenso delle persone oneste, dei lavoratori e di chi cerca lavoro. Landini poi torna a precisare di non aver “mai pensato, come mi viene attribuito da alcuni mezzi di informazione, che Renzi non abbia il consenso degli onesti, ho detto che il premier non ha il consenso della maggioranza delle persone che lavorano o che il lavoro lo cercano e che sono nella parte onesta del paese che paga le tasse”.