Sclerosi multipla, 5 milioni per la ricerca: Fism finanzia progetti innovativi

73

Aism, Associazione italiana sclerosi multipla, con la sua Fondazione, Fism, stanzia 5 milioni di euro per la ricerca sulla sclerosi multipla. L’obiettivo e’ sostenere progetti innovativi, pensati con strategie collaborative, e al bando di quest’anno si aggiunge anche la proposta di progetti dedicati alla comprensione dei rapporti tra Covid 19 e sclerosi multipla. Regolamento e moduli per progetti di ricerca e borse di studio possono essere consultati su www.aism.it/bandifism , scrivendo a fism@aism.it o chiamando lo 010 2713226. La scadenza e’ il 24 agosto 2020.
Ogni ora in Italia 3 persone ricevono una diagnosi di sclerosi multipla, una malattia cronica, invalidante e senza cura definitiva. Solo la ricerca scientifica, ricorda Aism “puo’ trovare le cause e le terapie risolutive che 126.000 persone con le loro famiglie aspettano con urgenza”. Da oltre 30 anni Aism con Fism promuove la ricerca sulla sclerosi multipla: in Italia e’ il primo ente privato finanziatore, nel mondo e’ il terzo. Negli ultimi dieci anni la Fondazione ha investito piu’ 80 milioni di euro; 400 progetti di ricerca che coprono a 360 gradi tutti gli aspetti della ricerca sulla sclerosi multipla. I progetti di ricerca attivi nel 2020, finanziati da Fism, sia attraverso il bando annuale sia tramite programmi speciali, sono oltre 100 per un investimento totale di circa 15 milioni di euro. “Senza l’impegno di Fism- evidenzia il presidente Mario Alberto Battaglia- molti risultati non sarebbero stati possibili. Fra questi il progetto internazionale sulle forme progressive ad oggi orfane di terapie risolutive su cui sono stati stanziati entro il 2025, 53 milioni di euro e su cui oggi si intravedono nuove proposte terapeutiche. Importante, e lo abbiamo voluto come uno dei requisiti del nostro bando, e’ la ‘rete’ della ricerca. Ne sono esempi il Registro sclerosi multipla e la recente ricerca dettata dall’emergenza, la piattaforma MUSC-19 su Covid 19 e sclerosi multipla a cui, dati di fine maggio, hanno aderito 95 centri clinici SM nazionali e 52 internazionali”.