Sconfitta alle Amministrative, Morisi e Fidanza indagati: duro colpo per le destre. Berlusconi a un bivio

59
in foto Silvio Berlusconi (da Imagoeconomica)

di Biagio Maimone

La sconfitta del centrodestra alle amministrative ed i gravi fatti degli ultimi giorni riguardanti Luca Morisi, ex spin doctor dei social della Lega di Matteo Salvini, accusato di detenzione e cessione di stupefacenti, e Carlo Fidanza, europarlamentare di Fratelli d’Italia, indagato dalla Procura di Milano per finanziamento illecito e riciclaggio, successivamente al video pubblicato da Fanpage, rappresentano un duro colpo per la Lega e Fratelli d’Italia ed anche per il partito di Berlusconi in quanto tutto il centrodestra ora vacilla ed è poco compatto, a dispetto di quanto l’ex Presidente del Consiglio affermava poche settimane fa.
Berlusconi dovrà riflettere in merito all’interruzione dell’alleanza, tra l’altro poco producente, con Salvini e Meloni, per cercarla altrove.
E’ prossimo alla nascita un nuovo centro moderato con la nascita di nuovademocrazia.it.
Chissà se Berlusconi vedrà in esso il suo nuovo luogo espressivo.
Non potrà certamente lasciare il suo partito dentro una compagine che è immagine di un declino morale senza pari.
C’è bisogno di aria nuova nella politica italiana che ripulisca il degrado morale e culturale che una parte del mondo politico ha creato.
Razzismo, incitamento all’odio, violenza, maleducazione devono lasciare il posto alla cultura della vita, che si ispira ai valori umani insopprimibili, ossia il rispetto della dignità degli altri, la lotta alla violenza ed al razzismo, nonchè l’affermazione dell’agire onesto e leale, imprescindibile per chi è impegnato nell’ambito politico, in quanto determina il destino dello Stato e dei suoi cittadini. Urge una svolta immediata e decisiva che si diriga verso la cultura della legalità e della moralità, della civiltà e del bene collettivo, che conduca oltre la barbarie che alcuni politici predicano indisturbati.
La politica è un impegno serio ed ha bisogno di donne e uomini di buona volontà, onesti, i quali testimoniano, mediante le proprie idee ed il proprio agire la necessità dello sviluppo morale di un territorio perché esso possa progredire verso lo sviluppo sociale ed economico, verso tappe più elevate di civiltà, tale in quanto pone al centro la dignità della persona e dell’universo, non il male, inteso come annientamento dei valori umani e culturali tesi al dialogo e all’inclusione di ogni essere umano.
Berlusconi certamente lo sa ed il suo elettorato serio sa bene che è deleterio rimanere dove i fatti testimoniano che regna il degrado.
I cittadini che votano Forza Italia, quelli onesti, quelli moderati e democratici, estranei alle vicende oscure sopra citate e alla deriva dei valori, ora attendono una risposta.
La risposta, a nostro avviso, è allontanarsi subito da Salvini e da Meloni e contribuire alla costruzione del centro moderato, democratico, liberale ed europeista.
L’Italia e gli Stati tutti dell’universo hanno bisogno di evolversi sul percorso che conduce alla democrazia e alla salvaguardia dell’ecosistema, oltre il degrado.
E’un impegno non rimandabile, pena il crollo nei disastri più aberranti per l’umanità.