Scontri e accuse tra Centri Sociali e CasaPound

18

(ANSA) – NAPOLI, 29 GEN – Pestaggi e scambi di accuse tra i centri sociali e CasaPound oggi a Napoli: secondo una nota dell’ “Ex Opg Occupato – Je so pazzo”, uno studente di 15 anni, del liceo Vittorini, sarebbe stato preso a pugni da alcuni giovani appartenenti a CasaPound e altri due sarebbero stati presi a colpi di mazze e martelli nei pressi della stazione della metropolitana del Rione Alto. I ragazzi aggrediti – denuncia la nota – sono stati portati in ospedale per traumi al cranio, ferite al volto e sospette fratture alla testa.
    CasaPound dà una versione differente dei fatti e annuncia querela: “i militanti sono stati provocati da alcuni studenti del Vittorini. C’è stato un scambio di spintoni da entrambe le parti poi il nostro volantinaggio è ripreso senza problemi”.
    Successivamente “una ventina di persone, del centro sociale Ex OPG – Je So’ Pazz, si sono recati nel Rione Alto per attendere uno dei militanti sotto la propria abitazione. Il giovane, che era in compagnia di altri due ragazzi, si è difeso”.
   

(ANSA) – NAPOLI, 29 GEN – Pestaggi e scambi di accuse tra i centri sociali e CasaPound oggi a Napoli: secondo una nota dell’ “Ex Opg Occupato – Je so pazzo”, uno studente di 15 anni, del liceo Vittorini, sarebbe stato preso a pugni da alcuni giovani appartenenti a CasaPound e altri due sarebbero stati presi a colpi di mazze e martelli nei pressi della stazione della metropolitana del Rione Alto. I ragazzi aggrediti – denuncia la nota – sono stati portati in ospedale per traumi al cranio, ferite al volto e sospette fratture alla testa.
    CasaPound dà una versione differente dei fatti e annuncia querela: “i militanti sono stati provocati da alcuni studenti del Vittorini. C’è stato un scambio di spintoni da entrambe le parti poi il nostro volantinaggio è ripreso senza problemi”.
    Successivamente “una ventina di persone, del centro sociale Ex OPG – Je So’ Pazz, si sono recati nel Rione Alto per attendere uno dei militanti sotto la propria abitazione. Il giovane, che era in compagnia di altri due ragazzi, si è difeso”.