Se scoprissimo che Gesù era piuttosto scuro di pelle, dovremmo rinnegarlo?

530

Il governo protestò giustamente contro l’ONU che intende mandare un’ispezione per controllare se l’Italia è davvero razzista. Perché sprecare tempo e soldi, e scomodarsi? Basta leggere i giornali. A Torino due famiglie di 11 persone che festeggiavano 4 ragazzi down sono state invitate a lasciare il ristorante. Il comune di Codroipo, cittadina in provincia di Udine, ha deliberato che nelle scuole dell’infanzia i giocattoli non possono evocare altre culture. In termini meno ipocriti vuol dire che i bambolotti possono essere solo di razza bianca. Macché razzismo, facciamo proprio schifo!

Vai avanti tu che a noi viene da ridere
Lo avevamo sottovalutato, chiamandolo “Signor Nessuno”. Invece, ha imparato in pochi mesi a fare politica, meglio di chi ce lo ha messo. Adesso è lui a manovrare i burattinai. Ha l’intelligenza, il garbo, la pazienza e soprattutto la culturamche mancano alla coppia. Ha reso credibile un programma astruso e improbabile, nelle mani di un’allegra comitiva di dilettanti. Un po’ per capacità di persuasione – ma anche perché è un vero muro di gomma – sta riuscendo a evitare le sanzioni e convincere l’Europa che la manovra è efficace. Come se fosse tornata l’astuzia democristiana di un tempo.

Padri della patria nel terzo millennio
Gentile Signor Di Maio, è vero, Luigino non c’entra con le sue colpe. Non poteva sapere né sospettare. I bravi figlioli come il suo pensano che i genitori siano immacolati. Come mai ha taciuto mentre il suo ragazzo predicava onestà con tanta convinzione? Perché non spiegargli che la retribuzione in nero è pratica lecita nel Sud. Mentre non pagare le tasse è del Nord. Ma lei nemmeno quelle. Né l’ha fermato quando se la prendeva con i genitori degli avversari. Non temeva che arrivassero a lei e suo figlio venisse coinvolto? Si rende conto ora, che figura di merda gli ha fatto fare?!

Siamo troppo di parte per giudicare
Scusarsi è un gesto di umiltà dei grandi, specie se si intralcia il corso di una indagine. Ma il magistrato è arrogante e il ministro gli suggerisce di andare in pensione. È il nuovo vaffa del potere, non una giustificazione. Lo inventò Grillo, che fu il primo guascone. Però, è solo un comico senza ruolo istituzionale. I pareri sono difformi. Perché si giudica in base alle proprie idee politiche. Infatti, la giustizia e il buonsenso non fanno molta strada. Magari, stessimo fermi. Invece, andiamo indietro. Oggi persino gli industriali protestano. Sono loro a temere la recessione, non chi perde il lavoro.

Ormai la vita umana vale meno di un selfie
Non bastavano crolli, smottamenti, nubifragi, trombe d’aria, dissesti geologici. E neppure gli incidenti sul lavoro che uccidono ogni giorno per mancanza di precauzioni. Adesso anche esplosioni e incendi, causati dalla nostra endemica incuria. Non è la prima volta che prende fuoco una cisterna assassina. Anziché mettersi in salvo, pur di fare una foto, muoiono anche i curiosi. Troppo traffico su gomme, persino il carburante. Perché non la TAV? Chissà se il trasporto su rotaie è più sicuro? Ma almeno sfoltisce il traffico. Dicendo no a ogni iniziativa, scopriremo altri modi per suicidarci.

Che brutta fotografia, ma siamo davvero così?
L’Europa non potrebbe descriverci peggio. Il Censis, che è italiano, ci vede razzisti, ignoranti, incontentabili, invidiosi e cattivi. Chiunque può arricchirsi o diventare famoso perché non si premia il valore né il merito. Il governo non c’entra. La colpa è dei cittadini. Lo spread alto non è niente in confronto. I furbetti del cartellino e del reddito di cittadinanza sono dilettanti. E non si sapeva ancora dello scherzo assassino di Ancona in discoteca. Qualche spiritoso sparge spray urticante. Nella calca muoiono cinque ragazzi e una mamma, perché l’uscita era sbarrata. Talvolta siamo pure stronzi.

Anche i bachi, se perdono l’involucro, possono volare
Tanto di cappello al primo ex comunista che si ritira. Almeno, per ora, Sono campioni di trasformismo. Non esistono altre categorie di sconfitti capaci di riciclarsi come loro. Uno è arrivato addirittura al Quirinale e, nonostante l’età, caso unico, ha raddoppiato il mandato. Pur non essendo delle cime, sono ancora al centro della politica. Dalla caduta del Muro se ne trovano ovunque, persino tra le destre. Gli italiani glielo consentono perché non hanno memoria. Di tutti gli altri si è perso il ricordo. Loro, invece, ci sono sempre. Se se ne va Minniti, rimane Zingaretti. Non l’attore, peccato.