Scuola: Anief, adesione a sciopero del 2 e 3 maggio

58

Roma, 11 apr. (Labitalia) – L’Anief aderisce allo sciopero della scuola del 2 e 3 maggio. “Non possiamo tollerare -spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief- quest’impasse della politica che deve per forza di cose dare delle prime importanti risposte al mondo della scuola, dopo avere assunto precisi impegni nel corso della campagna elettorale”.

“Persino negli Stati Uniti -fa notare- dopo dieci anni gli insegnanti sono tornati a scioperare: 20 mila professori si sono astenuti dal fare lezione nel West Virginia, Oklahoma e Kentucky, per chiedere un aumento dei salari di 10.000 dollari, a fronte dei 6.100 dollari che gli sono stati comunque concessi”.

Invece, avverte, “in Italia, dopo dieci anni di blocco, si è arrivati a un aumento mensile medio di 85 euro”. “Tra l’altro, nemmeno garantito a tutti. In ogni caso, annualmente il rinnovo porterà in media meno di mille euro lordi. Ne consegue che mentre un insegnante italiano non arriva a percepire 30 mila euro l’anno, un collega statunitense ne prende più del doppio, 60 mila dollari, e scende in piazza per rivendicare incrementi dieci volte superiori a quelli sottoscritti e accolti con tanto di brindisi dai nostri sindacati confederali”, conclude.