Scuola, in Campania al via a ottobre? Molti istituti ancora senza banchi

351

La decisione sarà ufficializzata nella riunione di giunta di lunedì prossimo, ma è ormai certo che in Campania non si tornerà a scuola il 14 settembre, come previsto dal calendario nazionale. E neppure è scontato che le lezioni riprendano il 24 settembre, a urne chiuse. Ieri in Regione, una riunione di più di due ore tra il presidente Vincenzo De Luca, i rappresentanti sindacali, l’ufficio scolastico regionale, i rappresentanti dell’Anci e dell’associazione Dirigenti Scolastici, ha cercato di fare il punto su tutti i problemi connessi. E la scelta, proprio in base a tutte le esigenze rappresentate anche all’assessore regionale all’Istruzione Lucia Fortini, sembrerebbe tra tre date possibili. Si parla con insistenza del 24 settembre prossimo, il giovedì successivo alla chiusura dei seggi elettorali, ma il suono della campanella potrebbe slittare anche al lunedì 28 o potrebbe prevalere l’ipotesi di riaprire il primo ottobre. Su quest’ultima data c’è la convergenza di molti sindaci campani, che avrebbero avviato i lavori di adeguamento delle strutture, per ritardi burocratici, soltanto in questi giorni, non avendoli fatti ad agosto come in altri istituti, superiori in particolar modo. Oltre alla riorganizzazione degli spazi in base alle norme sul distanziamento, ci sono ritardi nelle forniture, a livello centrale, di banchi e altro materiale.