Scuola, la Cisl al governo: Intervenire su dirigenti e sicurezza

26
in foto Maddalena Gissi, segretaria generale Cisl Scuola

“Continuano gli episodi di condanna di dirigenti scolastici, responsabili della sicurezza senza autonomi poteri decisionali e di spesa, spesso nell’assenza colpevole e tollerata dei dovuti interventi da parte degli Enti locali. È da poco intervenuta la conferma, in appello, della condanna a una dirigente scolastica di Sapri, cui va tutta la nostra solidarietà, per un tragico incidente accaduto nel 2011 a un alunno della sua scuola; una condanna che ripropone ancora una volta l’urgenza di intervenire su una questione da tempo al centro della nostra attenzione e della nostra iniziativa”. A renderlo noto è Maddalena Gissi, segretaria generale Cisl Scuola, la quale chiede che si riprenda un percorso che valga a sanare “questa incredibile situazione per la quale i dirigenti scolastici sono chiamati a rispondere di responsabilità per le quali non hanno alcun potere di intervento. Chiediamo che il Ministro, riconoscendo l’urgenza di un intervento che non può essere più rimandato, assuma al più presto l’iniziativa per una necessaria modifica del decreto legislativo 81/2008”. La sindacalista ricorda che nella precedente legislatura le Commissioni VII e XI della Camera avevano prodotto un testo condiviso da tutte le forze politiche, unificando le proposte di legge Carocci e Pellegrino circa la modifica all’articolo 18 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81 sulla responsabilità dei dirigenti in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro e chiede che si riprenda il percorso.